Benessere

Cerotti detossinanti: come funzionano e perché ci fanno bene

cerotti detossinanti

Disintossicare l’organismo da tossine e impurità è fondamentale per garantire il corretto funzionamento degli organi, oltre che per favorire benessere e forma fisica. Per questo – soprattutto negli ultimi anni – si sono moltiplicati i trattamenti detox, molti dei quali si avvalgono dell’ausilio di ingredienti naturali sfruttandone l’azione disintossicante e depurativa. Tra i rimedi naturali detox, vi parliamo dei cerotti detossinanti, che aiutano a eliminare le scorie prodotte dal corpo umano in modo assolutamente non invasivo.

Molto diffusi in Medio Oriente e nel Sud Est Asiatico, i cerotti detossinanti – proposti dall'eCommerce Cerotti di Sale – si applicano la sera prima di coricarsi e agiscono durante la notte, consentendo un risveglio all'insegna del benessere.

Gli ingredienti dei cerotti detossinanti

I cerotti detossinanti sono composti da ingredienti al 100% naturali. A cominciare dal sale dell’Himalaya, che da alcuni anni a questa parte è facilmente reperibile in qualsiasi supermercato. Conosciuto (e utilizzato) soprattutto per insaporire i cibi, il sale rosa in realtà possiede numerose proprietà osmotiche e riequilibranti e, proprio per questo, è impiegato anche nell'ambito dei programmi detox e anti-age.

Nella composizione dei cerotti detossinanti si ritrovano anche altri ingredienti dalle proprietà disintossicanti, come per esempio quintessenza di bambù, minerale di tormaline, ioni negativi, vitamina C e aceto di legno.

Azione dei cerotti

Ridotta sensazione di “gambe pesanti”, minor gonfiore addominale, miglioramento della qualità del sonno e diminuzione dei dolori articolari. Il funzionamento di questi cerotti è visibile già dopo la prima applicazione, dal momento che assumono un colore giallastro ed emanano un cattivo odore. Cosa significa? Semplice: che hanno assorbito le tossine, le scorie e le impurità dell’organismo durante la notte, liberandolo dall'azione nociva di queste sostanze.

Questo rimedio, inoltre, essendo completamente naturale, può essere utilizzato da chiunque e a qualunque età, senza alcuna controindicazione, tranne nel caso, ovviamente, di allergie agli ingredienti che contengono.

Per quanto tempo applicare i cerotti detossinanti

Per quanto riguarda la frequenza di utilizzo, varia a seconda delle diverse esigenze: alcune persone, per esempio, scelgono di avvalersene ciclicamente, in modo da sfruttarne appieno l’azione di mantenimento; altre, invece, preferiscono usarli solo al bisogno, magari nei periodi in cui il fisico risulta particolarmente debilitato (come durante una convalescenza). Ancora, c’è chi impiega i cerotti detossinanti semplicemente per sentirsi le gambe più leggere dopo una lunga giornata trascorsa in piedi o al caldo o per riposare meglio durante un periodo particolarmente stressante.

Come si applicano i cerotti detossinanti

Come abbiamo accennato, i cerotti detossinanti agiscono durante la notte, quindi devono essere applicati prima di andare a letto. Il loro utilizzo è molto semplice: è infatti sufficiente collocarli sotto la pianta del piede al momento di coricarsi e lasciarli agire per tutte le ore di sonno. La necessità di applicarli sotto i piedi è dovuta a diverse ragioni: innanzitutto si tratta di una zona del corpo dove avviene un importante passaggio di sangue; in secondo luogo perché la pianta del piede è un punto poco visibile, perciò chi vuole conservare la massima privacy non ha di che preoccuparsi.

I cerotti vanno applicati dopo aver fatto un bagno o una doccia (o comunque lavato e asciugato accuratamente i piedi), lasciandoli agire per tutta la notte e rimuovendoli poi al risveglio. Come abbiamo visto, al momento della rimozione i cerotti potrebbero aver assunto un colore diverso rispetto a quando erano nella confezione. In questo caso, comunque, non c’è nulla da temere: il cambiamento di tonalità, infatti, è indice del corretto funzionamento del prodotto, che ha assorbito tossine e impurità.

Ortoterapia: come curarsi con il giardinaggio

ortoterapia 1

Con l’arrivo della bella stagione cresce la voglia di stare all’aria aperta e a contatto con la natura: in questo periodo si può approfittare del sole avvicinarsi all’ortoterapia, una disciplina che apporta benefici sia fisici sia psicologici. Vediamo meglio cos’è l’ortoterapia e come è possibile curarsi con il giardinaggio.

I Pannelli solari sono un pericolo per la salute?

pannelli solari

I pannelli solari consentono di produrre energia usando la luce del sole e risparmiando sulle bollette, ma sono davvero sicuri per la nostra salute? Vediamo come funzionano, cosa contengono e se i pannelli solari sono un pericolo per la salute.

Pole dance: benefici e controindicazioni di uno sport completo

pole dance

Cos'è la pole dance?

È necessario fare subito una premessa: la pole dance, che è un mix di ginnastica e danza con la pertica, non va confusa con la lap dance, attività che - invece - prevede l'uso di un palo e non è sportiva, bensì ludica, di intrattenimento, e praticata negli strip club. La pole dance si basa sull'esecuzione di figure acrobatiche, che richiedono notevoli doti di forza, scioltezza, coordinazione, agilità, flessibilità e resistenza. Per praticare la pole dance serve solo ed esclusivamente un palo. Ma non tutti sono uguali. Le dimensioni del palo – che influenzano le esecuzioni - variano da diametro di 50 mm ai più piccoli di 38 mm. I materiali principalmente utilizzati per i pali sono l'acciaio inossidabile, l'acciaio cromato per elettrolisi o le barre a sezione tonda in ottone.

I dispositivi che ti monitorano, quali sono e come funzionano

gym tracker

Condurre uno stile di vita sano, secondo forti e numerose evidenze scientifiche, comporta enormi vantaggi in termini di prevenzione primaria e secondaria di molte patologie cronico-degenerative. Alcuni esempi possono essere le malattie cardiovascolari (infarto, ictus o ipertensione arteriosa), diabete, disordini metabolici, sindrome metabolica, ecc.

Sportivi e alimentazione: sfatiamo i falsi miti

sport alimentazione

Per coloro che pensano che basti una corsetta per giustificare gli eccessi fuori pasto o eccedere in proteine per migliorare le performance sportive, il CONI ha risposto con un manuale per sfatare i falsi miti sul binomio sport e alimentazione.