immagine

L’eccessiva autostima? L’anticamera della depressione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Be yourself, no matter what they say” (sii te stesso, non importa cosa dicono loro) canta Sting.

Parole che racchiudono una filosofia di vita: seguire la propria strada, esprimere la propria unicità, nell’indifferenza verso l’elogio o la disapprovazione altrui. Sembra sia questa la chiave dell’equilibrio psichico: chi infatti tende a millantare poco probabili imprese impossibili o ad esaltarsi davanti agli altri raccontando fatti non veri è ad un passo dalla depressione.

Almeno a giudicare dai risultati di uno studio condotto dalla University of Pennsylvania e dalla Nanyang Technological University di Singapore. I ricercatori hanno preso in esame 295 studenti americani, con un’età media di 19 anni, e 2780 studenti di Hong Kong.

I volontari sono stati sottoposti ad un esperimento articolato in due fasi successive: nella prima sono stati loro proposti alcuni test accademici ed è stato poi loro chiesto di valutare i propri risultati, mettendoli anche a confronto con quelli di altri studenti. Nella seconda parte dell’esperimento è stato chiesto ai volontari di riempire un questionario sui sintomi della depressione. Nella valutazione degli esiti dell’esperimento è stato riscontrato che coloro che avevano una considerazione di se stessi troppo elevata e non fondata su riscontri reali ed oggettivi, tendevano poi più facilmente a cadere in depressione. Uno dei ricercatori che hanno curato lo studio, Chi-Yue-Chiu, ha commentato “Molto probabilmente, quando l’inadeguatezza emerge è più facile che emerga anche il disagio per essersi auto-lodati oltremisura“.

Le aspettative troppo elevate hanno sempre un potere soffocante: anche se sono rivolte vero se stessi.

Francesca Di Giorgio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Seguici su Facebook