L’olio extravergine d’oliva riduce il rischio di ictus

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dall’Università di Bordeaux arriva un metodo, del tutto naturale, per scongiurare il rischio di ictus.

Olio extravergine d’oliva e via la paura, almeno secondo lo studio diretto dalla dottoressa Cecilia Samieri e pubblicato su Neurology.

I ricercatori hanno analizzato le cartelle cliniche di 8 mila uomini e donne, di età media di 65 anni con nessun caso di ictus alle spalle. Nei 5 anni di osservazione hanno creato tre categorie di consumo di olio extravergine di oliva: nulla (i partecipanti non lo usavano), moderata (impiegavano l’olio solo come condimento) ed intensa (l’olio si usava sempre e comunque).

In questo modo si è riscontrato che i volontari che usavano l’olio extravergine di oliva come condimento o più frequentemente (categorie moderata ed intensa) vedevano il pericolo ictus calare del 41% rispetto a quelli che non lo utilizzavano per niente.

Consumiamo quindi più olio extravergine d’oliva, utile anche contro i tumori!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.