Chakra: cosa sono, colori e come aprirli per raggiungere il benessere psicofisico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Vi sarà sicuramente capitato di sentire parlare di chakra, magari in riferimento allo yoga. Il termine chakra viene dal sanscrito e significa ruota o disco. Ma cosa sono esattamente questi chakra e perché sono strettamente legati al benessere psicofisico? Si tratta di importanti centri energetici presenti nel nostro corpo che collegano quest’ultimo alla psiche. Scopriamo come funzionano e soprattutto come risvegliarli per ritrovare l’armonia attraverso la meditazione.

I 7 chakra principali 

Nel nostro organismo sono stati individuati ben 74 chakra, ma quelli principali sono 7. Ognuno di questi si trova in un determinato punto del corpo tra la testa e la base della spina dorsale. I chakra fanno parte di quello che vene definito il nostro “corpo sottile”, cioè la parte legata alle emozioni; proprio qui si trova l’energia kundalinî, aggrovigliata su sé stessa come un serpente.

Il simbolo scelto per rappresentare i chakra è il fiore di loto visto dall’alto con colori ed elementi diversi all’interno. Per questo vengono chiamati anche Padma, ovvero “loto”.  A ciascun chakra sono associati anche specifici elementi come pietre, suoni e colori.

Ecco quali sono i 7 chakra principali:

  • Muladhara – Chakra della terra o della radice
  • Svadhisthana – Chakra dell’acqua o sacrale
  • Manipura – Chakra del fuoco o del plesso solare
  • Anahata – Chakra del cuore
  • Visuddha – Chakra purificatore o della gola
  • Ajna – Chakra della luce o del terzo occhio
  • Sahasrara – Chakra della corona

Questi centri energetici hanno il compito di ricevere l’energia e di ridistribuirla nel resto del corpo.

Come anticipato, i chakra sono dei centri energetici che collegano corpo e psiche. Quando questi punti energetici sono aperti, l’energia può fluire liberamente, senza ostacoli. Al contrario, quando sono chiusi, l’energia non riesce più a scorrere, provocando un blocco sia a livello fisico che emotivo. I chakra sono connessi ai gangli nervosi e alle ghiandole indocrine: è per questo che la loro chiusura può causare uno stato di malessere o far insorgere patologie ad organi legati alle ghiandole. 

Come aprire i 7 chakra principali

1. Muladhara o “chakra della radice”

Posizione: nella parte inferiore del bacino, tra coccige e pube

Colore: rosso

Significato: è la stabilità psichica nelle diverse situazioni della vita, la capacità di gestire gli istinti. È il chakra con cui vengono assorbite le energie della Terra e scaricate le tensioni attraverso l’atto sessuale.  Le principali conseguenze del cattivo funzionamento del chakra radice sono la timidezza, i sensi di colpa, il disagio, la paura ad affrontare la vita, la sfiducia, la distrazione e la dipendenza dai beni materiali.

Come aprirlo: gli esercizi consigliati sono la camminata, i salti sul posto, il ballo e lo yoga (per la meditazione si possono usare oli essenziali come il rosmarino e il cipresso.)

2. Svadhistana o “chakra splenico”

Posizione: metà inferiore del ventre

Colore: arancione

Significato: è il piacere, la gioia di vivere, la sessualità espressa al massimo delle sue potenzialità. Quando il chakra dell’acqua è bloccato, sono le emozioni a risentirne di più, si hanno forti sbalzi di umore, si prova rabbia, senso di colpa e vergogna e si è soggetti ad attacchi di panico.

Come aprirlo: per riequilibrarlo bisogna lavorare sulle emozioni e sulla creatività. La pratica dello yoga e una corretta respirazione sono molto utili per imparare a conoscere e gestire le emozioni.

3. Manipura o “chakra del plesso solare”

Posizione: metà superiore del ventre

Colore: giallo

Significato: è la capacità di agire energicamente, la volontà, l’autostima e l’autonomia personale. Quando il terzo chakra è disequilibrato si presentano sintomi come l’insicurezza, senso di inadeguatezza e problemi all’apparato digerente.

Come aprirlo: per aprire il plesso solare, si possono usare essenze di lavanda, camomilla, limone e anice e praticare esercizi di yoga e la meditazione.

@Elly Fairytale/Pexels

4. Anahata o “chakra del cuore”

Posizione: petto

Colore: verde

Significato: è il chakra più centrale e corrisponde alla capacità di amare incondizionatamente, mostrandoci generosi e premurosi con gli altri. Questo chakra è in stretta correlazione con i polmoni e con la respirazione e quando è chiuso si tenda a diventare freddi, apatici e diffidenti. Se si apre troppo, invece, la nostra attenzione si concentrerà esclusivamente sugli altri, trascurando noi stessi.

Come equilibrarlo: si consigliano esercizi di respirazione, il contatto con la natura, ad esempio con piante e animali e l’ascolto di musica gioiosa.

5. Vishuddha o “chakra della gola”

Posizione: nella metà inferiore del collo e a livello delle clavicole

Colore: azzurro

Significato: indica la creatività, la comunicazione e il gusto per l’estetica. La chiusura di questo chakra porta a non riuscire né a esprimersi bene né ad ascoltare gli altri. Non si riesce a mostrare la propria creatività e ci si sente a disagio. Anche a livello fisico possono insorgere disturbi alla tiroide e agli organi respiratori e problemi come come asma e bronchite.

Come aprirlo: il blocco si può superare dipingendo, praticando meditazione, scrivendo, danzando oppure cantando. Ciò che importa non sono i risultati ma riuscire lasciarsi andare alle proprie emozioni.

 6. Adjnia o “chakra del terzo occhio”

Posizione: grande chakra che si trova al centro della fronte

Colore: indaco

Significato: è la parte razionale. Il chakra del terzo occhio si trova tra le sopracciglia, ed è il simbolo dell’intuizione e della vista al di là delle apparenze e al di là anche della stessa realtà. Quando è bloccato, si diventa cinici, insensibili, calcolatori e ci si fida solo di quello quel che si vede con gli occhi senza andare oltre.

Come aprirlo: per riequilibrare il sesto chakra la meditazione è fondamentale per mettersi in comunicazione con se stessi e con l’energia che è intorno a sé. Tra le attività consigliate rientra anche la lettura.

7. Sahasrara o “chakra della corona”

Posizione: sopra il cranio

Colore: viola

Significato: è la capacità spiccata di pensare in maniera strategica. Il Sahasrara è il chakra della liberazione, della conoscenza e della beatitudine ed è legato all’energia dell’universo. Chi raggiunge questo stadio avrà compreso i misteri della vita, come la nascita e la morte. Questo chakra è rappresentato da un loto con mille petali, che indica l’infinito. Quando il settimo chakra è bloccato non si riesca coltivare la propria spiritualità e si diventa apatici e sconfortati.

Come aprirlo: per liberare il settimo chakra si può praticare yoga per cercare la pace interiore, aiutandosi con oli essenziali di geranio e legno di rosa. La meditazione può essere agevolata ascoltando e ripetendo dei mantra come quello che vi proponiamo di seguito:

Fonte: Denise Dellagiacoma/Cure Naturali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Siciliana nata tra le pendici dell’Etna e il mare, ma trapiantata a Roma da qualche anno. Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo, è appassionata al mondo del benessere e del bio. Estremamente curiosa, ama scrivere, conoscere nuove storie e osservare il mondo, soprattutto attraverso le lenti di una macchina fotografica.