Menopausa: combatti le vampate con la liquirizia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’estratto di liquirizia potrebbe essere un valido aiuto naturale contro gli “effetti collaterali” della menopausa, come le vampate di calore e la sudorazione improvvisa.

I ricercatori della University of Southern California (Usa) stanno sperimentando una pillola a base di radice di liquirizia che sembra riuscire ad assolvere la “mission impossible” contro i fastidiosi bollori della menopausa. I dati preliminari sono stati presentati al congresso annuale dell’American Society for Reproductive Medicine.

I ricercatori hanno somministrato per un anno ad un piccolo gruppo di 51 donne in menopausa, 50 mg di estratto di liquirizia quotidianamente, analizzando sintomi e variazioni, ad un altro gruppo un placebo e a un terzo gruppo 100 mg al giorno. Nel gruppo dei 50 mg è stata rilevata una riduzione delle vampate dell’80%, mentre la media degli attacchi quotidiani è passata da 10 a 2. Diminuito anche il numero delle sudorazioni notturne, passato da una media di 4 a notte a 2.

Le signore hanno avvertito la differenza“, afferma Donna Shoupe, una delle autrici dello studio. Tuttavia, c’è ancora qualche dubbio da fugare, visto che il campione di studio era limitato e l’effetto del placebo somministrato al secondo gruppo di controllo ha avuto un effetto quasi simile, facendo emergere la forte componente emotiva nei disturbi legati alla menopausa .

Certamente la strada che vede la liquirizia come metodo alternativo alla terapia ormonale sostitutiva, è aperta, anche se le donne italiane che affrontano la menopausa dicono sempre più spesso no ai farmaci: circa il 60% di loro sopporta i sintomi tipici senza il supporto di nessuna medicina.  

Attenzione, però, anche i farmaci naturali comportano rischi. La liquirizia, ad esempio, è controindicata per chi ha palpitazioni frequenti e tachicardia, oltre a essere risultata pericolosa per i bambini se consumata dalle mamme durante la gravidanza.

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin