Pene sempre più piccolo a causa dell’inquinamento

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il vostro uomo ha il pene piccolo? Siete fortunate. Sì insomma, è un po’ più piccolo di quello degli uomini di 60 anni fa (felici le nostre mamme!), ma, pensate un po’, è sicuramente più grande rispetto a quello che si ritroveranno i maschietti di domani.

Le vostre figlie e nipoti dovranno fare i conti con dimensioni più ridotte, a meno che il progresso non ci avrà portato a scambiarci il contatto Facebook con alieni superdotati. Pare infatti che una misura accettabile per un altrettanto accettabile sollazzo al femminile – quale sia, poi, la dimensione ideale ancora non si sa – non sarà più di questo pianeta. La causa? L’inquinamento ambientale.

Questa la conclusione cui sono arrivati all’Università di Padova, dove si è scoperto che le dimensioni del pene – valutate a riposo – si stanno progressivamente riducendo. Se 60 anni fa era di 9,7 centimetri (secondo i dati del rapporto Kinsey del 1948 relativi a oltre 2.700 maschi americani), oggi è di 8,9, secondo la media rilevata in oltre 2000 diciottenni veneti dall’équipe del patologo Carlo Foresta dell’Università di Padova, responsabile del Centro regionale di crioconservazione dei gameti.

In pratica, l’inquinamento inizia a danneggiare già l’apparato riproduttivo nell’utero materno. “Diossine, pesticidi, metalli pesanti, additivi di plastiche, vernici e detergenti – dice Foresta – possono agire in due modi: riducendo l’attività degli ormoni maschili androgeni o mimando l’attività degli estrogeni femminili“. Un calo degli androgeni porta di conseguenza a una riduzione della misura del pene e dei testicoli.

E i guai non finiscono qui: il diverso equilibrio ormonale causato dalla sballata attività degli androgeni provoca persino modificazioni morfologiche del corpo maschile, tanto che i ragazzi assumeranno sempre più una struttura fisica che li fa sempre più assomigliare alle donne.

Viene da chiedersi: di questo passo, tra catastrofi ambientali e peni sempre più piccoli, ci estingueremo?

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.