Straniere incinte: Progetto Cicogna per informarle e sostenerle

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Questura di Milano, le Asl delle Province di Milano e Monza e Brianza, coordinate dalla Direzione Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà sociale della Regione Lombardia, hanno messo a punto un programma per stare vicino alle donne immigrate incinte senza regolare permesso di soggiorno.

Si tratta del “Progetto Cicogna” e si basa sulla garanzia dell’assistenza nei nove mesi di gravidanza e oltre, sostegno cui le donne straniere hanno diritto fino ai sei mesi successivi alla nascita del bambino, periodo in cui sia le donne incinte che i loro compagni non possono essere espulsi.

La non conoscenza di queste norme – dice Giuseppe De Angelis, Dirigente dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Milano – conduce spesso esso ad un esito tragico, come l’interruzione della gravidanza o l’abbandono del bambino“.

Sono l’89%, infatti, le donne straniere irregolari che decidono di interrompere la gravidanza, contro il 29,3% delle regolari.

Il progetto sarà operativo dal 18 luglio: attraverso il sito www.progettocicogna.it si potranno prendere tutte le informazioni necessarie in 5 lingue (inglese, francese, spagnolo, arabo e cinese), mentre in un’area riservata accederà solo il personale sanitario che certificherà lo stato di gravidanza della donna straniera irregolare.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Magazine d'informazione online su tematiche legate al benessere, alla bellezza e alla salute. Comunichiamo i metodi del come stare bene e meglio.