lampade

Lampade abbronzanti: no ai minori di 18 anni e donne incinte

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Niente lampade abbronzanti per i minori di 18 anni, per le donne incinte e per chi è affetto da particolari patologie o si scotta facilmente al sole.

Arriva così il decreto interministeriale (ministero della Salute e ministero dello Sviluppo Economico) firmato ieri dal ministro della Salute Ferruccio Fazio che vieta le lampade solari e altri apparecchi elettromeccanici per uso estetico a quelle determinate categorie.

In particolare, le apparecchiature per le quali il decreto fissa nuove caratteristiche e regole d’uso sono:

  • solarium per l’abbronzatura con lampade UV-A o con applicazioni combinate o indipendenti di raggi ultravioletti (UV) ed infrarossi (IR)
  • saune e bagno di vapore
  • vaporizzatori con vapore normale e ionizzato non surriscaldato
  • stimolatori ad ultrasuoni e a micro correnti
  • disincrostanti per pulizia
  • apparecchiature per aspirazione di comedoni e levigatura della pelle
  • docce filiformi ad atomizzatore
  • apparecchi per massaggi meccanici o elettrici
  • rulli elettrici o manuali
  • vibratori elettrici oscillanti
  • scaldacera per ceretta
  • attrezzi per ginnastica estetica
  • attrezzature per manicure e pedicure
  • apparecchi a radiofrequenza
  • apparecchi per ionoforesi
  • depilatori elettrici o ad impulsi luminosi
  • apparecchi per massaggi subacquei
  • apparecchi per presso-massaggio
  • elettrostimolatore ad impulsi
  • soft laser per trattamento rilassante, tonificante o foto stimolante delle aree riflesso gene dei piedi e delle mani
  • laser estetico per depilazione

Commenta Fazio: “La regolamentazione dell’utilizzo delle lampade abbronzanti è particolarmente importante per la dimostrata nocività, soprattutto nelle persone più giovani, delle radiazioni ultraviolette che espongono ad un aumento del rischio di melanoma cutaneo statisticamente significativo“.

Ed è favorevole al decreto la dottoressa Caterina Catricalà, direttore del dipartimento clinico sperimentale di Dermatologia oncologica dell’Istituto San Gallicano di Roma, secondo cui “nell’infanzia e nell’adolescenza i raggi Uva possono creare il presupposto per i tumori alla pelle e l’invecchiamento precoce della pelle“.

Insomma, nulla di meglio di un bagno di sole. Quello vero. Ne giovano salute e umore, a patto, però di seguire tutte le regole per non far del male alla propria pelle!

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Facebook