caffè

Dopo pranzo un buon caffè riduce il rischio di diabete

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il caffè, se consumato moderatamente e in maniera costante, riduce il rischio di diabete.

Secondo uno studio in provetta dell’Istituto nazionale di ricerca sugli alimenti e la nutrizione, diretto dalla dottoressa Fausta Natella e presentato alla conferenza stampa “Caffè e Diabete”, il caffè abbassa il livello di glicemia perché, tra le diverse sostanze di cui è composto, le cosiddette fenoliche (acido clorogenico, acido ferulico e acido caffeico ) agirebbero alla stregua di alcuni farmaci anti-diabetogeni.

La cosa che può sembrare buffa è che se preso dopo pranzo, il caffè è ancor di più un alleato contro il diabete. In pratica, con delle simulazioni al computer (risultati confermati poi con esami in vitro), si è visto come i composti fenolitici del caffè siano in grado di inibire la digestione dei carboidrati. Di conseguenza, vi è un rallentamento del glucosio assorbito e una riduzione del picco glicemico post-pasto.

Gli esperti consigliano in ogni caso stili di vita sani. Amleto D’Amicis, vicepresidente della Società italiana di nutrizione umana (Sinu), raccomanda: “un’alimentazione corretta e attività fisica regolare rimangono le armi migliori per combattere il diabete di tipo 2 – conclude Amleto D’Amicis, vicepresidente della Società italiana di nutrizione umana (Sinu) – anche se l’abitudine tutta italiana di bere il caffè dopo pranzo è un tassello che si aggiunge al mosaico preventivo”.

Io vado a farmi un bel caffè. Voi?

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.