Verdure a foglie verdi: alleate contro le infezioni

cavoli

Ormai è noto quanto sia importante mangiare almeno 5 porzioni al giorno tra frutta e verdura ma, nonostante questo, sono sempre più frequenti gli studi che scoprono nuovi benefici effetti sul nostro organismo dell'assunzione quotidiana di vegetali e frutta.

Oggi è la volta delle verdure a foglie verdi che, secondo una ricerca condotta dalla Molecular Immunology division del Walter and Eliza Hall Institute di Parkville, in Australia, sarebbero in grado di aiutare il sistema immunitario a proteggerci dall'aggressione dei microrganismi, in particolare quelli nocivi che si annidano nel nostro intestino.

I ricercatori australiani, che hanno visto pubblicato il loro studio sulla rivista Nature Immunology, hanno infatti scoperto come il gene denominato "T-bet" sia fondamentale nel processo che porta alla produzione di cellule immunitarie: le cellule linfoidi (ILC).

Le verdure a foglie verdi come cavoli, rape, verza, ecc. sono quelle che maggiormente consentono al nostro corpo di mettere in funzione il T-bet. A questo proposito, una delle scienziate impegnate nello studio, la dottoressa Gabrielle Belz, ha dichiarato: "La nostra ricerca mostra che, senza il gene T-bet, il corpo è più suscettibile alle infezioni batteriche che entrano attraverso il sistema digestivo. Ciò suggerisce che l'incremento di ILC nell'intestino può essere di aiuto nel trattamento di queste infezioni batteriche".

Ecco un motivo in più per consumare ogni giorno 2 o 3 porzioni di verdura!

Leggi anche:
- Il verde? Fa bene alla salute
- Diabete: ecco come prevenirlo con le verdure a foglia verde