Cibo e sonno: chi mangia sano dorme meglio e di più

sonno alimentazione

Siamo ciò che mangiamo, recita un noto detto. Avreste mai pensato che le abitudini alimentari fossero in grado di influenzare la qualità del nostro sonno? Mangiare bene ed in modo vario aiuta a dormire meglio. La scienza ha confermato come tra ciò che portiamo sulla nostra tavola e l'andamento del riposo notturno esista uno stretto legame.

La ricerca in questione è stata curata da parte degli esperti della Perelman School of Medicine dell'Università della Pennsylvania, che si sono occupati di analizzare le abitudini alimentari degli americani ed il loro stile di vita in correlazione alle ore di sonno di ciascuno.

Dai risultati ottenuti sottoponendo a questionari un gruppo di pazienti, coloro che erano soliti dormire 7 oppure 8 ore a notte sono stati ritenuti i soggetti portatori di un maggior benessere generale. Essi hanno dimostrato attraverso le loro risposte di seguire una dieta equilibrata dal punto di vista dell'apporto di carboidrati, proteine, fibre e minerali.

Nessuno di loro ha mostrato di avere una tendenza al consumo eccessivo di bevande alcoliche ma, al contrario, di seguire la buona abitudine di consumare come bevanda della semplice acqua durante il giorno. La categoria opposta era composta da quelle persone che erano solite dormire non più di 4 o 5 ore a notte.

L'alimentazione seguita da parte di questi ultimi è stata considerata particolarmente squilibrata, monotona e carente, ma anche più abbondante rispetto a coloro che si concedono sonni più lunghi. Chi dorme di più, mangia meno, secondo quanto rilevato da parte dei ricercatori statunitensi. Il consumo di dolciumi e snack è stato posto in correlazione con sonni più brevi.

La dieta di coloro che dormono per un numero inferiore di ore è risultata povera di acqua, oltre che di carboidrati e di licopene, un carotenoide contenuto ad esempio in barbabietole, arance rosse e pomodori. Chi dorme circa 6 ore per notte introduce con la dieta una quantità inferiore di acqua e vitamina C.

Dati i risultati ottenuti, gli esperti ora appaiono interessati ad individuare la combinazione alimentare più corretta al fine di garantire un sonno ristoratore e della durata perfetta, oltre che uno stile di vita salutare. Una dieta bilanciata potrebbe essere utile a contrastare l'insonnia (ponendo attenzione agli alimenti che la favoriscono o che la alleviano) oltre che a prevenire obesità e diabete.

Marta Albè

LEGGI ANCHE:

INSONNIA: 5 ALIMENTI CHE LA COMBATTONO (E 5 CHE LA FAVORISCONO)

LA DIETA CONTRO I DISTURBI DEL SONNO