Lo yogurt brucia i chili dovuti all'età e previene il tumore

immagine

 

L’aumento di peso è una delle cose che preoccupa tutti non solo nell’immediato ma anche come proiezione per il futuro.

Abbiamo visto, infatti, come tenersi in forma giovi non soltanto alla bellezza, ma anche e soprattutto alla salute. Per controllare il peso non bisogna solo calcolare le calorie dei vari alimenti ma bisogna scegliere proprio degli alimenti adatti allo scopo.

 

 

Se non siete ancora abituati a mangiare lo yogurt, iniziate a farlo. Secondo una ricerca pubblicata dal New England Journal of Medicine lo yogurt potrebbe essere utilizzato per controllare il peso associato con l’età.

 

Lo studio è stato condotto dai ricercatori della Harvard School of Public Health di Boston che hanno analizzato i dati di un campione di circa 120 mila individui. Ciò su cui è stata posta attenzione è l’aumento di peso medio di circa 1,5 kg ogni 4 anni delle persone che hanno consumato lo yogurt.

Questo aumento è di molto inferiore rispetto a quello riscontrato in persone che invece hanno mangiato meno yogurt. I ricercatori sono riusciti anche a calcolare in dettaglio quanto possa variare il peso per ogni barattolo di yogurt consumato: per ogni porzione in più al giorno, l’aumento di peso si riduceva di circa 370 grammi ogni 4 anni. Lo stesso effetto è riscontrabile anche in altri alimenti come la frutta secca (meno 260 grammi), la frutta fresca (meno 220 grammi), i cereali integrali (meno 170 grammi), la verdura (meno 100 grammi). Invece per chi consuma determinati alimenti, succede proprio l’inverso, cioè con le patate fritte c’è un aumento di peso di 760 grammi ogni 4 anni, con le bibite zuccherate di 450 grammi e con le carni fresche e lavorate 430 e 420 grammi.

Ma anche un altro studio ha evidenziato le potenzialità dello yogurt: una recente ricerca pubblicata dall’International Journal of Cancer ha avuto come campione 45 mila persone (solo in Italia) che sono state seguite per 12 anni: durante questo periodo si è constatato che chi consumava più yogurt (85 grammi al giorno per gli uomini, 98 grammi per le donne) rischiava di ammalarsi di tumore del colon retto con una percentuale del 38% inferiore rispetto a chi non ne consumava.

Nessuno si sarebbe mai aspettato questo successo dello yogurt, ma quali sono i fattori che lo rendono così benefico? Salvatore Panico, professore di medicina interna, all’Università Federico II di Napoli, ha parlato dell’importanza di una corretta alimentazione: Una nutrizione corretta e uno stile di vita attivo hanno un’influenza fondamentale sull’insorgenza del tumore colon-rettale. Probabilmente cattive abitudini alimentari e mancanza di movimento sono la causa del 70% dei tumori di questo tipo. È dunque fondamentale sapere quali cibi sono preferibili ad altri”. A spiegare le caratteristiche dello yogurt ci pensa lo stesso Panico che ha continuato dicendo: I batteri che producono acido lattico, come quelli contenuti nello yogurt, sono potenzialmente in grado di prevenire alcune mutazioni genetiche delle cellule del colon. Mi spiego meglio: l’acido lattico, cambiando il pH dell’intestino, rende meno offensive le sostanze che facilitano le mutazioni, mutazioni che possono dare inizio alla cancerogenesi. Per di più l’acido lattico riduce l’infiammazione del colon che pure può avere un ruolo nella cancerogenesi”.

Ma non tutti gli yogurt vanno bene, infatti ne esistono in commercio alcuni ricchi di aggiunte varie che possono quasi essere dannosi, a questo proposito Panico ha conclude: “È bene però ricordare che il sistema-alimentazione è complesso e quindi va tenuto ben presente quello che le ricerche americane hanno evidenziato. Evitiamo, perciò, il consumo di cibi e bevande ricchi di zuccheri e ad alta densità energetica, anche se sono a base di yogurt ma con aggiunte varie, e diamo spazio ai prodotti di origine vegetale, compresi i cereali integrali e ai cibi semplici, come lo yogurt naturale”.

Quindi iniziamo a consumare yogurt soprattutto in questo periodo estivo in cui fa molto piacere ingerire cose fresche e gustose magari in abbinamento con un frutto di stagione: avremo benefici per il nostro palato e per la nostra salute.

Lazzaro Langellotti