Sale: usi, proprietà e differenze col sale iodato

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il sale è da sempre un bene prezioso. Oggi, il sale è considerato un alimento comune e spesso se ne trascura la qualità, stimando che un prodotto valga l’altro: questo è un grosso errore. Il sapore del sale è diverso se grezzo o raffinato e la sua resa nei piatti è diversa se grosso o molto sottile, come ben sapranno tutti gli appassionati di cucina.

Il sale comune che si trova in commercio, detto anche salgemma, è formato per la maggior parte da cloruro di sodio, la cui percentuale aumenta dopo la raffinazione e può arrivare al 96-97%.

Il sodio è un minerale da assumere con moderazione, in particolar modo da chi soffre di ipertensione. Al contrario, il sale integrale, quello marino, è più ricco di minerali diversi dal sodio, come lo iodio, il rame, lo zinco e il bromo, la cui presenza riduce la percentuale di cloruro di sodio presente. Possiamo quindi ridurre il nostro consumo poiché il sale integrale marino sala di più a tutto vantaggio del nostro benessere.

Sale iodato

Un vero alleato della salute è il sale iodato: un comune sale da cucina cui è addizionato artificialmente dello iodio sotto forma di ioduro o iodato di potassio. Le quantità aggiunte sono scelte e standardizzate in base allo stato nutrizionale della popolazione; in Italia, per esempio, ogni chilogrammo di sale iodato contiene 30 mg di iodio (con tolleranza +40% -20%).

Perché scegliere il sale iodato?

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità è un ottimo strumento per combattere i disordini da carenza iodica. Infatti, in alcune aree del mondo l’apporto dietetico di questo minerale è particolarmente basso e questo può causare seri problemi di salute. In particolare, la carenza di iodio ha ripercussioni gravi sullo sviluppo mentale e fisico del bambino e nell’adulto può provocare il gozzo.

Ricordiamo che il fabbisogno di iodio nell’adulto è stimato in 150 μg/giorno, mentre la quantità presente nell’organismo si aggira intorno a 15-20 mg. Secondo gli esperti, le donne in gravidanza e in allattamento ne dovrebbero assumere circa 50-100 μg/die in più, per assicurare un normale sviluppo del bambino.

La iodurazione del sale, particolarmente economica, rappresenta una soluzione ideale per prevenire la carenza iodica nelle nazioni a rischio. Infatti, alcune aree del pianeta sono soggette a un deficit poiché da una regione all’altra varia la concentrazione di iodio nel terreno e quindi nei suoi frutti e nella carne degli animali che da essi traggono nutrimento. Ovviamente, anche le abitudini alimentari influenzano moltissimo l’apporto iodico, ne è un esempio il Giappone, dove l’elevato consumo di alghe, sfuma notevolmente il problema.

Carenza iodica

Nel mondo, circa 2 miliardi di persone (30% della popolazione totale) rischiano di sviluppare malattie da carenza iodica, che rappresenta la prima causa prevenibile di ritardo mentale. In Italia circa 6 milioni di abitanti sono esposti a carenza iodica ambientale e in alcune aree il gozzo è ancora una patologia endemica (si manifesta, cioè, in più del 5% della popolazione).

Se impiegato nel modo giusto, il sale può essere un alleato della salute e non un nemico, ma è bene ricordare qualche piccolo suggerimento:

  • Utilizzate preferibilmente sale iodato o integrale
  • Moderate l’aggiunta di sale agli alimenti
  • Limitate l’impiego di dadi da brodo e salse come il ketchup
  • Evitate di aggiungere il sale alle pappe dei bambini: le abitudini alimentari che si formano durante l’infanzia sono le più difficili da modificare.
  • Evitate di usare le bevande isotoniche per reintegrare la perdita di liquidi derivante dall’attività fisica; preferite piuttosto l’acqua
  • Insaporite i cibi con erbe, spezie, succo di limone e aceto, vi saranno di aiuto nel diminuire l’uso del sale

Manuela Marino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.