Gli infortuni da “distrazione” per lo smartphone sono più frequenti di quanto immagini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le lesioni alla testa e al collo subite mentre si guida o si cammina con un cellulare sono in aumento, soprattutto da quando – afferma uno studio di Rutgers ha trovato – nel 2007 è stato lanciato il primo iPhone.

L’analisi, pubblicata su JAMA Otolaryngology-Head & Neck Surgery, ha esaminato 2.501 pazienti del dipartimento di emergenza che hanno subito lesioni alla testa e al collo derivanti dall’uso del cellulare tra il 1998 e il 2017. Hanno individuato così un aumento costante delle lesioni in quel periodo, insieme ad alcuni notevoli picchi come quello che si è verificato con il lancio di Pokémon Go, un gioco basato sulla realtà aumentata che richiede ai giocatori di rintracciare personaggi animati sui loro telefoni, in luoghi reali.

Le lesioni includevano tagli, contusioni, abrasioni e lesioni interne, soprattutto intorno all’occhio e al naso. Più del 41 per cento si è verificato a casa ed era minore, richiedendo poco o nessun trattamento. Circa il 50 per cento è stato causato da una guida distratta e un terzo da una camminata distratta.

I bambini sotto i 13 anni erano significativamente più propensi a subire una lesione meccanica, come una batteria del telefono cellulare che esplode o i genitori che fanno cadere accidentalmente un telefono cellulare su un bambino, o ancora, un bambino che si colpisce sul viso con il telefono.

“Le lesioni dovute all’uso del telefono cellulare sono state segnalate principalmente da incidenti durante la guida, ma altri tipi di lesioni sono stati ampiamente sottovalutati”, ha detto l’autore dello studio Boris Paskhover, un chirurgo e assistente professore alla Rutgers New Jersey Medical School.

“Ipotizziamo che le distrazioni causate dai telefoni cellulari sono state la ragione più grande per le lesioni e hanno colpito principalmente le persone di età compresa tra 13 e 29 anni”, ha detto Paskhover. “I risultati suggeriscono la necessità di un’educazione sui rischi dell’uso del cellulare e del comportamento distratto durante altre attività, oltre a guidare e camminare”.

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, collabora dal 2005 con alcuni dei principiali network nazionali dell'informazione online.