vaccino meningite

Meningite B: dall’Australia arriva un vaccino sperimentale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Arriva dalla ricerca australiana, e più precisamente dalla Scuola di Pediatria e Salute Infantile dell’University of Western Australia, un nuovo vaccino sperimentale contro un ceppo del sierogruppo B del meningococco, che causa i peggiori casi di meningiti batteriche in molte regioni dell’Europa e del Nord America.

La meningite è un’infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale, le cosiddette meningi e si tratta di una malattia generalmente di origine infettiva, che può essere virale, batterica o causata da funghi. La forma virale, detta anche meningite asettica, è quella più comune: di solito non ha conseguenze gravi e si risolve nell’arco di 7-10 giorni. La forma batterica è più rara ma estremamente più seria, e può avere conseguenze fatali.

Ma ora, la sperimentazione, condotta su 539 adolescenti di Australia, Polonia e Spagna, ha dimostrato che i ragazzi sviluppavano una reazione immunitaria senza seri effetti collaterali, generando così anticorpi attivi contro il 90% delle forme di meningite B. Gli scienziati hanno somministrato ai soggetti del trial tre dosi di vaccino per sei mesi, controllando poi il sistema immunitario dei soggetti e riscontrando un alto livello di protezione contro i batteri della meningite.

“I nostri dati suggeriscono che questo vaccino e’ promettente come ampiamente protettivo del sierogruppo meningococcico B – dice il professor Peter Richmond, che ha guidato il progetto – e i risultati mostrano che tre dosi producono una risposta immunitaria, indicante protezione, fra l’80 e il 100% degli adolescenti. L’effetto collaterale più comune è dolore da leggero a moderato sul punto dell’iniezione”.

La ricerca, pubblicata sul Lancet Infectious Diseases, ha mostrato così che il nuovo vaccino è sicuro per gli adolescenti, anche se occorreranno ulteriori studi per valutare la sua tollerabilità e immunogenicità. Gli studiosi si sono comunque detti fiduciosi, anche se la sfida per lo sviluppo di un vaccino che contrasti diversi ceppi di meningococco di sierogruppo B è ancora aperta: le proteine che risiedono sulla superficie di questo batterio, infatti, possono variare anche considerevolmente, rendendo quindi difficile la realizzazione di un vaccino universale.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Magazine d'informazione online su tematiche legate al benessere, alla bellezza e alla salute. Comunichiamo i metodi del come stare bene e meglio.