bambini sovrappeso obesita

Tonsille: nei bambini il post operatorio porta al sovrappeso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’asportazione delle tonsille, uno dei più comuni interventi che riguardano i bambini, potrebbe farli aumentare di peso in maniera rilevante. Proprio così.

Secondo alcuni studiosi americani, a causa dell’alimentazione che segue la tonsillectomia, il bambino ingrassa troppo.

Alla base di questa singolare scoperta vi è uno studio svolto presso l’American Academy of Otolaryngology, che sostiene che l’aumento di peso legato all’asportazione delle tonsille possa sfociare anche in obesità.

La ricerca, coordinata dalla dottoressa Anita Jeyakumar, ha esaminato circa 800 bambini tra 0 e 10 anni, per i quali si era resa necessaria, oltre alla rimozione delle tonsille, anche quella delle adenoidi. Successivamente, dopo un primo periodo in cui i bambini erano rimasti a digiuno a causa della disfagia, ossia della difficoltà a deglutire, e dell’odinofagia, cioè il dolore legato al movimento della deglutizione, essi cercano in qualche modo di “rifarsi” mangiando più del dovuto. Si passa così ad una situazione di sovrappeso, che in alcuni casi è sfociata anche in obesità.

La ricerca americana ha riscontrato che oltre la metà dei bambini avevano preso peso e il loro indice di massa corporea era aumentato dal 5,5 al 75% in genere.

Sebbene la prima causa di tale tendenza sembra essere l’alimentazione del periodo post operatorio, la dottoressa Jeyakumar sostiene che “possono essere diversi i meccanismi che portano i piccoli ad ingrassare dopo l’operazione“. In ogni caso, è buona norma tenere sotto controllo la loro dieta subito dopo l’operazione.

La ricerca è stata pubblicata su Otolaryngology – Head and Neck Surgery.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.