sonno

Sonnambulismo: la causa potrebbe essere un difetto nel DNA

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Da cosa deriva il sonnambulismo? Perché alcune persone si alzano e camminano per casa come se fossero sveglie, mentre in realtà continuano a dormire?

A fornire una risposta plausibile sono stati alcuni ricercatori della Washington University School of Medicine, diretti dalla dottoressa Christina Gurnett.

Lo studio, pubblicato su Neurology, ha messo in luce come all’origine del disturbo del sonno vi sia un difetto del dna. Per dimostrarlo, i ricercatori hanno esaminato il codice genetico di una famiglia di sonnambuli distribuiti su 4 generazioni. Sui 22 soggetti analizzati, il sonnambulismo colpiva infatti 9 persone.

Sebbene non vi sia ancora nulla di preciso, gli studiosi avrebbero scoperto che il difetto sarebbe localizzato in un segmento del cromosoma 20.

28 sono dunque i geni coinvolti nell’indagine, da cui si spera di estrapolare una risposta. Ma vi è già una certezza. Quasi sicuramente è coinvolto nel sonnambulismo il gene dell’adenosina deaminasi, già noto per essere legato al sonno ad onde lente tipico del sonnambulismo.

La dottoressa Gurnett in merito ha commentato: “Non sappiamo ancora quali dei geni presenti in questa regione sul cromosoma 20 sono responsabili del disturbo. Scoprirli ci potrebbe aiutare a identificare e trattare questa condizione”.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.