Cancro: Attività fisica e stile di vita corretto lo scongiurano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

All’indomani della Giornata Mondiale contro il cancro, si snocciolano dati allarmanti: senza un’adeguata prevenzione, tra il 2005 e il 2015 il cancro potrà causare il decesso di circa 84 milioni di persone e le morti subiranno un’impennata fino all’80% entro il 2030, soprattutto nei Paesi a basso e medio reddito.

Unanime è allora il messaggio che lanciano gli esperti dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e dell’Unione internazionale per il controllo del cancro (Uicc): un corretto stile di vita è l’unica cosa in grado di ridurre l’incidenza e la mortalità per cancro.

Tenere sotto controllo il proprio peso corporeo, seguire una corretta alimentazione e fare una regolare attività fisica può ridurre anche di un terzo il rischio di ammalarsi delle più comuni forme di cancro. E non dimentichiamoci di eliminare il fumo e di limitare il consumo di alcolici.

Afferma Tim Armstrong, del Dipartimento malattie croniche e promozione della salute dell’Oms: “L’attività fisica è raccomandata a tutte le età come un mezzo efficace per ridurre sia il pericolo di tumore che quello di altre malattie. Per preservare la propria salute e prevenire varie patologie, gli adulti dovrebbero fare almeno 150 minuti alla settimana di moderato esercizio. Basterebbe semplicemente camminare mezz’ora cinque giorni su sette o andare in bicicletta fino al lavoro“.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.