Depressione post partum: in agguato anche tra i papà

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Depressione post partum anche per i papà. Lo dice una ricerca condotta da Shreya Davè del Medical research council di Londra e pubblicata sulla rivista Archives of Pediatrics & Adolescent Medicine, a conferma di un altro studio fatto negli States pochi mesi fa.

Depressione che, secondo gli inglesi, potrebbe durare per mamma e papà addirittura fino al compimento dei 12 anni del figlio.

86.957 le persone prese a campione tra madri, padri e figli che avevano avuto accesso alle cure primarie tra 1993 e 2007. Nel lasso di tempo che intercorreva tra la nascita di un figlio e i suoi 12 anni, 19.286 madri sono cadute in depressione, per un totale di 25.176 episodi di malattia, e ben 8.012 padri, con 9.683 episodi di malattia.

Il dato relativo al singolo anno è di 7,53% tra le mamme e di 2,69% tra i papà, mentre nel primo anno di vita del piccolo le percentuali sono del 13,93% tra le madri e al 3,56% per i padri. “Si può dunque parlare di vera e propria depressione post-parto anche per i papà“, affermano i ricercatori.

Stanchezza, sonno arretrato, eccessivo senso di responsabilità, vita di coppia che, inevitabilmente, non è più la stessa, i maggiori fattori scatenanti.

E, quanto all’Italia, secondo i dati riportati dalla Sigo, Società italiana di ginecologia e ostetricia la depressione post partum colpisce da 50.000 a 75.000 di mamme ogni anno, con un costo sociale valutato in circa 500 milioni di euro in 12 mesi.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.