immagine

Gli effetti di una sbronza sono più lunghi di quanto crediamo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una ricerca della Brown University, diretta dal dottor Peter Snyder e pubblicata su Experimental and Clinical Psychopharmacology, mette in chiaro le reazioni che il nostro cervello ha dopo una sbronza.

Si ha la sensazione di essere sobri? Non è assolutamente così.

I ricercatori hanno reclutato alcuni volontari. In una prima fase dell’esperimento, i soggetti hanno bevuto modificando il tasso alcolico dallo 0 allo 0,1% e poi di nuovo a 0, sottoponendoli nel contempo ad alcuni esercizi al PC, che sono stati poi ripetuti a ubriacatura passata.

Risultato: quando i partecipanti al test percepivano la scomparsa della sbornia, i fumi dell’alcool – in realtà ancora presenti – facevano sbagliare molti degli esercizi, rivelando che “le capacità del cervello vanno di pari passo con il tasso alcolico e non con le percezioni personali degli effetti del bere.

Conclude Snyder: “Le funzioni che abbiamo testato sono quelle fondamentali quando si guida, quindi la conclusione che si può trarre è che è rischioso affidarsi soltanto alle proprie sensazioni per rimettersi alla guida, perché il cervello riprende le sue normali funzioni solo quando non c’è più alcol nell’organismo“.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Magazine d'informazione online su tematiche legate al benessere, alla bellezza e alla salute. Comunichiamo i metodi del come stare bene e meglio.