Sciatica: sono sovrappeso e obesità a provocarla

sciatica

È ormai assodato che il sovrappeso e l'obesità possono favorire la comparsa della sciatica, patologia che provoca un persistente e fastidioso dolore che si manifesta nella regione dei glutei, principalmente lungo la parte posteriore della gamba ma, in casi particolari, può raggiungere la punta delle dita dei piedi.

Visite: 85

Alkamedi: per un'acqua sempre ionizzata, fresca e pura

acqua2

Quanto conosciamo l’acqua che beviamo? Sia l’acqua del rubinetto che quella in bottiglia può avere delle caratteristiche non ottimali, soprattutto per quanto riguarda la purezza, e una struttura che non permette la perfetta e completa idratazione dell'organismo.

Visite: 296

Grassi sani: il loro potere curativo

coconut-oil

 

Avete sentito la buona notizia?! Un regime dietetico composto di grassi non è solamente saporito e saziante, ma gioca anche un ruolo fondamentale nella struttura e nelle funzioni del corpo umano, inoltre, molti pensano che, i grassi, siano i più importanti macronutrienti presenti nel cibo. I troppo spesso calunniati grassi saturi che generalmente si odiano conferiscono all'organismo molti più benefici di quanto pensiamo.

Visite: 1711

Cosa ancora non sai sul contagio dei germi

starnuto

Sappiamo tutti quanto sia importante (e segno di buona educazione!) coprirsi la bocca quando si starnutisce o tossisce, tuttavia delle recenti ricerche hanno dimostrato che in realtà questo gesto potrebbe non essere così efficace come pensiamo per contenere la diffusione dei germi. Un nuovo studio pubblicato recentemente nel Journal of Fluid Mechanics ha rivelato infatti dove vanno a finire i batteri una volta che abbandonano il nostro corpo. Ovvero molto più lontano di quanto si creda.

Visite: 1368

La vitamina E può aiutare a rallentare il morbo di Alzheimer

Alzheimer

 

Vitamina E e Morbo di Alzheimer, un connubio che potrebbe dare finalmente una speranza ai malati e alle loro famiglie, grazie ad un nuovo studio americano che sottolinea i benefici effetti dell'assunzione quotidiana di questo elemento.

Che la Vitamina E potesse essere un valido aiuto nel sostegno e nella cura di una malattia degenerativa come l'Alzheimer, non è una novità. In passato numerosi studi avevano dimostrato come l'uso dell'alfa tocoferolo, una particolare forma di Vitamina E, potesse agire come buon antiossidante in soggetti affetti da gravi forme di questa patologia.

Fino ad ora, nessuno aveva però testato l'efficacia di questa cura su pazienti ancora ai primi stadi della malattia.

A questo hanno pensato i ricercatori coinvolti nel nuovo studio made in USA, coordinato dal Dottor Maurice W. Dysken, di Minneapolis: 33 ricercatori, 26 strutture coinvolte, sotto l'egida del Minneapolis VA Health Care System, hanno prodotto una ricerca pubblicata nei giorni scorsi anche dal rinomato JAMA, Journal of American Medical Association.

Gli effetti della Vitamina E, liposolubile e antiossidante, sono stati testati su 613 pazienti, ai quali era stata diagnosticata una lieve o moderata patologia di Alzheimer e che erano curati attraverso l'assunzione di inibitori della acetilcolinesterasi, farmaci in grado di aumentare efficacia e durata dell'azione di alcuni neurotrasmettitori.

I soggetti sono stati suddivisi in quattro gruppi: 155 di loro hanno assunto un farmaco tradizionalmente prescritto per la cura della malattia, contenente memantina in dosi tradizionali, pari a 20mg al giorno; 152 pazienti hanno ricevuto una dose elevata di Vitamina E, pari a 2.000 unità internazionali; 154 hanno assunto una combinazione dei due rimedi, farmaco e vitamina; 152 hanno ingerito un placebo.

Il monitoraggio degli effetti dei differenti dosaggi si è svolto per un periodo di 2/3 anni, durante i quali sono stati accuratamente seguiti i progressi dei pazienti, con particolare riferimento ad uno degli effetti più debilitanti del Morbo di Alzheimer ovvero il declino funzionale.

Questo particolare aspetto della malattia, ben noto a chi ha la sfortuna di confrontarsi con essa, viene descritto dai medici come la progressiva perdita della capacità di svolgere le normali azioni della vita quotidiana senza l'assistenza di una terza persona.

Ebbene, secondo i risultati dello studio, l'assunzione di Vitamina E in massicce dosi quotidiane ha permesso di registrare un rallentamento del declino funzionale pari al 19%, che si traduce in un ritardo medio nella normale evoluzione della malattia, pari a circa 6 mesi e, conseguentemente in un minore bisogno di assistenza specializzata.

I pazienti curati con Vitamina E hanno potuto rinunciare ogni giorno a due ore di presenza del badante, recuperando in parte la propria autosufficienza o rallentandone la perdita progressiva.

La Vitamina E è un elemento facilmente reperibile e a basso costo, specie se rapportato alle tradizionali cure farmacologiche.

Si trova in molti alimenti di uso comune (uova, cereali, verdure a foglia verde, carne, pollame, noci e via dicendo) e può essere somministrato anche sotto forma di integratore alimentare. Se ne venisse confermata l'efficacia, le ricadute positive sarebbero molteplici, in primo luogo sui pazienti e sulle loro famiglie.

Anche dal punto di vista economico i benefici sarebbero indubitabili: minori spese per i farmaci, minori spese di assistenza, a favore direttamente delle persone colpite dal Morbo così come, più in generale, del sistema sanitario nazionale.

La strada da percorrere è tuttavia ancora molto lunga. Come sottolineano gli stessi autori dello studio americano, la somministrazione di Vitamina E ha effetti positivi solo sul declino funzionale, non incidendo sulla perdita di memoria e sul generale procedere della malattia.

Restano inoltre molto elevati i dubbi sulla tollerabilità di dosi così elevate, decisamente superiori rispetto a quella raccomandata per un soggetto adulto, pari a 1.500 unità internazionali al giorno. Assunta in dosi massicce e per periodi di tempo prolungati, la Vitamina E potrebbe infatti provocare effetti collaterali, potenzialmente mortali in alcuni pazienti, con una bassa tolleranza alla stessa.

Non da oggi la medicina ben conosce gli effetti dannosi di un'overdose di queste sostanza, anche se, a fronte delle sue potenzialità, non si smette di cercare: lo scorso anno il Medical News Today aveva pubblicato uno studio secondo il quale la stessa Vitamina E potrebbe agire come inibitore della formazione del cancro al fegato, mentre altre ricerche dimostrerebbero un aumento dell'incidenza del cancro alla prostata collegato con la sua assunzione.

Per quanto riguarda l'Alzheimer, l'equipe del dottor Dysken ha potuto dimostrare l'assenza di un aumento di mortalità dei pazienti sottoposti alla nuova terapia. Più precisamente le rilevazioni hanno evidenziato come il tasso annuo di mortalità sia del 7,3% per il gruppo di pazienti che hanno assunto il farmaco tradizionale e del 9,4% tra coloro che hanno preso il placebo, mentre nessuna significante correlazione si è evidenziata in merito alla Vitamina E.

In attesa delle necessarie conferme cliniche, si apre comunque uno spiraglio per quanti soffrono di questa debilitante malattia e per i loro cari, quotidianamente alle prese con il lento e inesorabile declino psico fisico che essa comporta.

Fonte: Medical News Today

Visite: 1643

Sottocategorie

Cerca

Seguici su Facebook

La gemma di yoga

Yoga: posizione Vajrasana

Yoga: posizione Vajrasana

Vajra è il fulmine, arma di Indra, re dei cieli. Indica anche il diamante... Read more

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

© Copyright 2009-2013 - wellMe.it è supplemento di GreenMe.it è Testata Giornalistica reg. Trib. Roma, n° 77/2009 del 26/02/2009 - p.iva 09152791001
×