Consigli su dieta e salute? Le donne si fidano solo delle donne

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Colleghe, amiche, vicine di casa, sorelle: in una parola complici.

Sarà perché sentiamo più libertà nel parlare di argomenti delicati, perché spesso ci troviamo ad affrontare gli stessi problemi, perché ci accomuna la stessa sensibilità eccezionalmente fine – e tutti gli uomini che ci hanno visto piangere “senza motivo”, come direbbero loro, possono testimoniarlo bene! – ma noi donne ci fidiamo con molta più facilità proprio delle altre donne, più che degli uomini.

E questo non vale solo quando si tratta di questioni di cuore, di confidenze sull’ultima caduta di stile del partner o sui problemi con i figli, ma anche per quanto riguarda la salute ed il benessere. È quanto documentato – ma in fondo ne eravamo già consapevoli – da una ricerca condotta da studiosi coordinati da Tegan Cruwis dell’Australian National University, che è stato presentato durante la National Psychology Week.

I ricercatori hanno mostrato ad un gruppo di donne alcuni video nei quali uomini e donne offrivano consigli su tematiche inerenti la salute e sulla dieta. Ebbene, l’attenzione delle spettatrici era molto più vigile quando a dispensare perle di saggezza era una donna, mentre un ascolto meno partecipativo si registrava quando parlava un uomo. Il Professor Cruwis riconosce che “Quando nel video c’era una donna, il messaggio è stato giudicato di gran lunga più convincente“.

Ciò si è rivelato vero soprattutto per quanto riguarda la dieta: se è vero che il sogno più grande di una donna non è quello di incontrare il principe azzurro, ma quello di mangiare senza ingrassare, è anche vero che sono veramente poche le privilegiate che possono trasformare questo sogno in realtà. La maggior parte di noi donne, ahimè, è alle prese con un’eterna lotta con la bilancia e con la cerniera dei pantaloni o delle gonne: in quante potete dire di non aver mai provato una dieta in vita vostra? Sicuramente in poche, purtroppo.

Sarà quindi perché tra colleghe di sventura ci si comprende meglio, ma quando nei video c’erano donne che dispensavano consigli sulle diete, il 40% delle spettatrici ha poi effettuato ricerche personali per approfondire l’argomento, cliccando su link appropriati. Se lo stesso messaggio veniva dato da un uomo, era solo l’8% delle donne che si interessava ad acquisire poi ulteriori informazioni. Ciò significa che abbiamo pregiudizi sulle conoscenze maschili in fatto di alimentazione? Chissà, forse sì, ma se è l’esperienza a fornire una preparazione ed un’affidabilità maggiori, i maschietti hanno solo da imparare da noi!

Francesca Di Giorgio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.