immagine

Masticare il chewing gum migliora le prestazioni del cervello

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Chi di voi mastica abitualmente il chewing gum? Forse la maggior parte, ma non tutti forse sapete che il chewing gum migliora le prestazioni del cervello.

È quanto emerso da uno studio giapponese condotto dall’Istituto Nazionale di Scienze Radiologiche (NIRS), secondo il quale masticare chewing gum aumenta le performance mentali, migliorando le facoltà mentali di pensiero, aumentando i livelli di attenzione e accelerando i tempi di reazione.

La ricerca ha coinvolto 19 adulti sani tra i 20 e i 34 anni, per scoprire se la masticazione influisse sulla capacità di pensiero, sulla sua velocità e sull’attenzione. Per fare ciò, gli studiosi hanno sottoposto i volontari ad una serie di test della durata di 30 minuti mentre masticavano un chewing gum e non.

I test consistevano nell’osservare una serie immagini al computer che rappresentavano cinque frecce, che puntavano a destra o a sinistra. I partecipanti dovevano premere un tasto con il pollice destro o sinistro a seconda di dove puntassero le frecce.

Attraverso una risonanza magnetica funzionale, poi, è stato osservato quali fossero le aree cerebrali coinvolte durante la masticazione e non.

Dai risultati, pubblicati su Brain and Cognition, è emerso come in chi masticava il chewing gum si attivassero otto aree del cervello e i tempi di reazione fossero più veloci del 10% rispetto a chi non lo masticava. Nei masticatori, inoltre, risultavano più attive le aree del cervello legate al movimento e all’attenzione.

Non sono del tutto chiari i motivi di questi risultati ma, secondo gli esperti, questo fenomeno potrebbe essere dovuto ad un maggiore afflusso sanguigno al cervello prodotto dalla masticazione oppure alla sensazione di rilassatezza indotta sempre dalla masticazione.

Fatto che, se masticare le gomme aumenta la nostra attenzione e allo stesso tempo ci fa rilassare, forse dovremmo tenere sempre un pacchetto di chewing gum a portata di mano, soprattutto durante le ore di studio o in ufficio.

Silvia Bianchi

Leggi anche:

– Cervello più abile e creativo? No alle tecnologie, sì alla natura

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin