Per innamorarsi serve meno di un secondo

innamorarsi

Non credete nell'amore a prima vista? Il colpo di fulmine è solo una bufala? Nient'affatto. Per innamorarsi basta un quinto di secondo. Lo ha svelato uno studio dell'Università di Syracuse, e pubblicato sul Journal of Sexual Medicine.

Nel corso della ricerca è stato scoperto che durante il complesso meccanismo dell'innamoramento si attivano ben 12 zone diverse del cervello, che a loro volta stimolano la produzione di determinate sostanze chimiche, responsabili delle sensazioni di euforia e gioia che noi tutti conosciamo. Tali sostanze sono l'adrenalina, la dopamina e l'ossitocina.

Inoltre, gli studiosi hanno scoperto che nelle coppie che si sono appena innamorate, il valore dell'Ngf, ossia del fattore di crescita nervoso è notevolmente più alto. Stephanie Ortigue, coordinatrice dello studio ha spiegato: "Questi risultati confermano che l'amore ha una base scientifica e che quando qualcosa non va, è una causa di stress emotivo e depressione".

Inoltre, dall'indagine sono emerse anche altre informazioni, come quella riguardante le aree cerebrali che si attivano quando si prova il sentimento dell'amore. Ad esempio l'amore incondizionato, come quello tra madre e figlio è acceso dalle aree centrali. La passione invece è generata dall'area delle ricompense e da quella cognitivo-associativa.

Da qui nasce un altro interrogativo esistenziale sull'origine dell'amore. Legittimo chiedersi se questo nobile sentimento nasca dal cuore o dal cervello. "È una domanda spinosa - ha commentato Ortigue - Io direi il cervello, ma anche il cuore è collegato perché il concetto dell'amore è formato da entrambi i processi che dal cervello vanno al cuore e viceversa. Ad esempio, l'attivazione di alcune parti del cervello può generare delle stimolazioni al cuore, come le famose farfalle nello stomaco. Alcuni sintomi che sentiamo nel cuore a volte vengono dal cervello".

In ogni caso, per innamorarsi non occorre un'ora, come sosteneva Loretta Goggi qualche hanno fa: basta solo un quinto di secondo.

Francesca Mancuso