segnaliinnamoramento

Amore: 9 segnali per capire se si è innamorati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Padre: “Pensavo che fosse qualcosa di peggio”

Bimbo: “Peggio della totale agonia di essere innamorato?”

Così rivela, nel film Love Actually, un bimbo di 8 anni al padre, preoccupato per il suo improvviso cambiamento di umore. In effetti, essere innamorati può essere una forma devastante di sofferenza, di quelle che ti tolgono la gioia di vivere e la voglia di veder sorgere un’altra giornata.

Questo, ovviamente, quando l’amore non sia corrisposto. Ma anche -soprattutto- durante quel limbo delicatissimo, quando si lanciano timidi segnali all’altro, sperando che l’amato colga, capisca e ricambi. Se ciò non succede, i segnali diventano più corposi e forti e l’attesa si fa colma di ansia e malessere. Perché se l’oggetto del desiderio non risponde alle amorose provocazioni, i casi sono due. O non ha capito, ma allora forse non è quel fulgido esempio di intelligenza che ci era parso di aver incontrato, oppure non ricambia il sentimento. Pensiero insopportabile e che apre scenari apocalittici in qualsiasi cuore innamorato. Quindi, piuttosto che riconoscere di essere stati colpiti dalla freccia di Cupido, faremmo qualsiasi cosa.

Ma ci sono dei segnali inequivocabili che possono farci capire che sì, al di là delle nostre dichiarazioni, della condizione esistenziale e della nostra volontà, quello in cui siamo caduti è davvero amore.

Come capirlo?

Gli esperti indicano 9 segnali rivelatori che indicano, irrimediabilmente, che siamo innamorati

Il cervello agisce come se fosse drogato

O meglio, non agisce affatto. Quando ci troviamo davanti all’oggetto del nostro amore, i neuroni vengono inondati di ossitocina, dopamina, adrenalina e vasopressina. Un vero e proprio cocktail chimico, del tutto simile alle reazioni provocate dall’eroina. Le conseguenze sono la diminuzione parziale o intensiva della capacità di eloquio – da cui il noto dramma del farfuglio -, un tono di voce abnorme – un sussurro inquietante o un volume da sordità precoce -, argomentazioni prive di logica e di senso. In più, la tipica goffaggine, per cui si riescono a sbagliare in modo ridicolo dei movimenti appresi fin dalla più tenera età.

Il pensiero diventa ossessivo…

…e tutto sembra essere un chiaro riferimento alla persona amata.

Gli amici lo sanno bene. Quando ci si innamora si diventa monotematici e noiosi. Sembra che l’unica cosa interessante sia il parlare di lui/lei, di com’è, di cosa fa, di come lo fa e di quanto è unico/a e speciale. Ogni scusa è buona per pronunciare il nome dell’amato/a e per dedicargli pensieri e parole. Il mondo sembra rispondere inviando continui segnali che riportano la persona al centro del pensiero. Anche quando si sta cercando di riflettere su altro, si viene sopraffatti dai segni. Una persona parla come lui/lei, un’altra ha gli stessi capelli, il taglio degli occhi, l’espressione del viso, la voce, il segno zodiacale, il mestiere, il numero di scarpe o la cittadinanza.

Si danno informazioni eccessivamente personali

Magari non vi conoscete neppure o vi siete solo rivolti poche frasi. Ma se siete innamorati, vi stupirete nel sentirvi uscire di bocca particolari intimi o segreti preziosi. Questo perché l’oggetto d’amore è ovviamente la persona maggiormente degna di fiducia nel pianeta ed è evidente che sarà il miglior depositario e custode di tutte le vostre storie. Spiegano gli esperti, che in realtà noi decidiamo nei primi venti minuti se una persona è degna della nostra fiducia e attenzione o meno. Se state raccontando della vostra collezione dei puffi o se state mettendo l’altro a parte dei più importanti tormenti della vostra anima, allora si, siete innamorati.

Brividi, farfalle nello stomaco e sospiri vari

Al pensiero di vederlo/a, anche se non ce n’è motivo perché probabilmente non vi rivolgerà la parola, vi viene un diffuso dolore allo stomaco. Il colorito scompare, la respirazione si fa affannosa. Oppure vi trovate davanti la persona all’improvviso e vi viene la tachicardia. Il cuore batte all’impazzata, arrossite e faticate a proferire verbo. Se la presenza dell’altro vi agita in modo insopportabile, allora si, siete nel pieno del tormento amoroso.

Brad Pitt? No, lui è più bello. Angelina Jolie? Una sciacquetta

Un attimo. Non è che non si veda più che il mondo è composto da altri meravigliosi esseri. Se i vostri occhi incontrano un bellissimo esemplare di maschio atletico o femmina burrosa, vi fermerete ancora a guardarlo e a rimirarlo. Ma quando si è innamorati, la persona amata diventa il sole. Anzi, il Sole, con la s maiuscola, tanto è al centro del mondo. Per cui nessuno potrà mai avere uno sguardo altrettanto profondo, o delle mani così belle o una bocca così sexy.

Non reagite alle provocazioni

Se siete nella fase Alfa, quella in cui tutto è ancora possibile, nulla riuscirà a turbarvi. Uscite di casa cantando, anche se le bollette traboccano dalla vostra casella postale. Se qualcuno vi urta, reagite con un sorriso e davanti alle punzecchiature degli altri rispondete con un sospiro. Insomma, se tutti fossero innamorati il mondo sarebbe un posto molto più divertente.

Avete molta più energia e molti meno malesseri

Magari dormire è difficile, perché il pensiero dell’amato vi tiene svegli. Ma la mattina vi alzate lo stesso con grinta e riuscite a lavorare/produrre/dedicarvi ai vostri hobby/vedere gli amici/riprendere il romanzo che avevate interrotto/scrivere romantiche frasi/darvi ad un nuovo sport. Le energie? Quelle della libido, che vi sostiene regalandovi performance da grandi atleti. E i mal di testa/di schiena/di pancia sembrano svaniti nel nulla.

Te lo leggo negli occhi…

In presenza dell’altro, o anche solo a vederne la foto, sentirne la voce o pronunciarne il nome, le pupille degli occhi si dilatano. Prova inconfutabile del desiderio amoroso. In più, capita di restare per qualche attimo incantati, a rimirare l’opera d’arte umana che è l’oggetto d’amore. Altro che tramonti e albe. Lo spettacolo dell’amato vale più di qualsiasi evento meraviglioso.

Si è meno stressati

I baci appassionati diminuiscono l’ormone dello stress, il cortisolo. Quindi, se siete nervosi e intrattabili, vuol dire che non state baciando la persona giusta. Potrebbe essere una buona argomentazione per convincere l’oggetto del vostro amore a dedicarvi lunghe sessioni di splendidi baci. Presentatevi davanti a lui/lei. Dite solo “baciarsi con gusto rende più sani, sereni e più belli. Non vorrai perdere la tua occasione?”

Se vi bacia con passione, sarete felici. Altrimenti, benvenuti nella più totale agonia.

Fiammetta Scharf

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin