smart working

Josep Suria/Shutterstock

L’essere umano è per natura “additivo”: ecco come ci comportiamo davanti a un problema

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In un nuovo articolo che ha conquistato la copertina dell’ultimo numero di Nature, i ricercatori dell’Università della Virginia hanno illustrato perché le persone raramente osservando una situazione, un oggetto o un’idea che deve essere migliorata, pensando a cosa si possa rimuovere per arrivare alla soluzione. Invece, quasi sempre il nostro cervello opera aggiungendo qualche elemento, di aiuto o meno.

Succede nella progettazione ingegneristica, che è il mio interesse principale“, ha affermato Leidy Klotz, docente associato nel dipartimento di sistemi di ingegneria e ambiente. “Ma succede anche nella scrittura, nella cucina e in tutto il resto – basta pensare al proprio lavoro per rendersene conto. La prima cosa che ci viene in mente è: cosa possiamo aggiungere per renderlo migliore. Il nostro articolo mostra che lo facciamo a nostro danno, anche quando l’unica risposta giusta è sottrarre. Anche con un incentivo finanziario, non pensiamo quasi mai a “togliere”“.

Klotz, la cui ricerca esplora le sovrapposizioni tra ingegneria e scienze comportamentali, ha collaborato con tre colleghi della Batten School of Leadership and Public Policy alla ricerca interdisciplinare che mostra quanto siamo additivi per natura.

Considerando due ampie possibilità sul perché le persone sono sistematicamente inadempienti nell’addizione – o generano idee per entrambe le possibilità e scartano sproporzionatamente le soluzioni sottrattive o trascurano del tutto le idee sottrattive – i ricercatori si sono concentrati su quest’ultima.

Le idee additive vengono in mente rapidamente e facilmente, ma le idee sottrattive richiedono uno sforzo cognitivo maggiore“, hanno affermato gli studiosi. “Poiché le persone si muovono spesso velocemente e lavorano con le prime idee che vengono in mente, finiscono per accettare soluzioni additive senza considerare affatto la sottrazione”.

I ricercatori pensano che ci possa essere un effetto di auto-rinforzo. “Più spesso le persone si affidano a strategie additive, più diventano cognitivamente accessibili”, ha detto Adams. “Nel corso del tempo, l’abitudine di cercare idee additive può diventare sempre più forte, e alla lunga, si finisce per perdere molte opportunità di migliorare il mondo per sottrazione”.

“È una scoperta incredibilmente interessante, e penso che la nostra ricerca abbia enormi implicazioni in tutti i contesti, ma soprattutto in ingegneria per migliorare il modo in cui progettiamo la tecnologia a beneficio dell’umanità”, ha detto Klotz.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, collabora dal 2005 con alcuni dei principiali network nazionali dell'informazione online.