vino rosso

Vino rosso: meglio bere un bicchiere che non berlo per niente

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

“Il vino fa buon sangue”, dicevano i nostri nonni, costringendoci a volte a sorseggiare qualche goccia del prezioso “nettare”. Ma avevano ragione a sostenere che il vino facesse bene? Astemi, aprite bene le orecchie…

Stando alla ricerca tutta made in Italy “The Mediterranean diet: a cultural journey”, pubblicata sul The Lancet, bere con moderazione è meglio che non bere affatto. Ancora una volta, la virtù sta nel mezzo: sul bere troppo e non bere, vince la moderazione.

La ricerca, degli italiani Roberto Ferrari e Claudio Rapezzi, dimostra, infatti, che chi consuma vino, rispetto a chi sceglie la birra, tende a seguire le regole della dieta mediterranea e quindi a mangiare in modo salutare consumando in abbondanza cereali, pesce, verdure, olio.

Ma è soprattutto agli stati Generali del Chianti, lo scorso 10 giugno al Palazzo dei Congressi, che si è cercato di fare il punto. Durante il convegno organizzato dal Consorzio Vino Chianti il ricercatore Francesco Sofi ha proposto un percorso attraverso le le ricerche “pro vino rosso” durante i pasti, a partire dal 1972, anno in cui la letteratura scientifica sottolineò il “paradosso francese”, usato da produttori, sommelier e persino medici (ovviamente bevitori) per perorare l’impiego del vino a tavola, sostenendo la correlzaione traconsumo di vino rosso e bassa incidenza delle malattie cardiovascolari.

Da parte nostra, avevamo già decantato le virtù antiossidanti e “brucia-grassi” del vino e spiegato perché l’uva fa bene al cuore.

Ora il via libera ad un consumo responsabile sembra essere defenitivo, parola della ricerca italiana.

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Seguici su Facebook