prevenzione deve essere fatta a tavola

Tumori, Veronesi: “la prevenzione va fatta a tavola”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Alimentarsi vuol dire scegliere e questa scelta può essere importantissima per preservarci da diverse malattie, a partire dai tumori”.

È quanto dichiara Umberto Veronesi, direttore scientifico dell’Istituto europeo di oncologia (Ieo) di Milano, intervenendo a un incontro del ciclo “Vivere in salute” promosso dall’Università La Sapienza di Roma.

Secondo Veronesi, la prevenzione a tavola è più efficace delle medicine, dal momento che l’alimentazione è responsabile del maggior numero di neoplasie nel mondo, superando anche il fumo. Proprio le cattive abitudini alimentari, infatti, sono la causa del 35% dei tumori. Seguono le sigarette, con il 30%, le infezioni virali con il 10%, i fattori riproduttivi (7%), l’attività lavorativa e l’inquinamento con il 4%.

Ciò di cui ci nutriamo – spiega l’oncologo – è un elemento fondamentale per la nostra vita”. Il tumore al colon, per esempio, è rarissimo nei Paesi dove non si mangia carne. Quanto a frutta e verdura, invece, “più alto è il loro consumo più diminuisce il rischio di un tumore perché in essi è presente un’armata di molecole antitumorali”.

Disco verde, quindi, a fragole, tè verde, aglio, verza, broccoli e pomodori e prodotti di importazione quali la curcuma presente nel curry. “Nell’isola di Okinawa – dice Veronesi – , dove la curcuma viene consumata quotidianamente, c’è una presenza di ultracentenari che supera del 10-15% quella degli altri Paesi nel mondo”.

Leggi tutti gli articoli su alimentazione sana.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Facebook