immagine

Yogurt e frutta: il caldo torrido si combatte così

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

E… state OK con la nutrizione“, ecco il decalogo di cosa mangiare – dallo yogurt alla frutta passando per il sale iodato – quando mangiarlo e soprattutto come conservare i cibi nelle calde giornate estive.

E se dopo Scipione e Caronte dobbiamo attenderci anche Minosse, allora sì che una sana alimentazione è l’unico metodo che possiamo adottare per sconfiggere l’afa.

Ecco qui i 10 consigli presentati al ministero della Salute:

1) Ogni giorni bisogna rispettare il numero e gli orari dei pasti e mai dimenticare la prima colazione, che deve essere privilegiata rispetto agli altri pasti

2) Frutta e verdura di stagione à gogo e yogurt (senza zuccheri aggiunti). Ma potete mangiare anche un po’ di frutta secca come mandorle e noci, ricca di grassi “buoni”, minerali e fibre. Senza esagerare!

LEGGI ANCHE: COME LAVARE FRUTTA E VERDURA CORRETTAMENTE

3) Variare gli alimenti anche nei colori, dati dalle sostanze ad azione antiossidante (vitamine, polifenoli…)

LEGGI ANCHE: TUTTI I COLORI DA METTERE A TAVOLA

4) Andateci piano con piatti elaborati e ricchi di grassi e condite con olio d’oliva a crudo

5) Preferite cibi freschi, facilmente digeribili e ricchi di acqua e non esagerarte con gli spuntini salati o zuccherati

6) Consumare un gelato o un frullato può essere un’alternativa al pasto di metà giornata

7) Evitate pasti completi con primo, secondo e contorno sia a pranzo che a cena. Almeno una volta scegliete piatti unici bilanciati, come pasta con legumi e/o verdure, carne/pesce/uova con verdure

8) Consumate poco sale e prediligere quello iodato, ne bastano 5 grammi, e per gli ipertesi consumare sale iposodico o asodico

9) Conservate bene gli alimenti, mantenere la catena del freddo e ricordare che cibi conservati a lungo in frigorifero rischiano un peggioramento nutrizionale e una contaminazione da microrganismi

10) Bevete almeno 1 litro e mezzo di acqua al giorno, moderate il consumo di bevande con zuccheri aggiunti e di bevande moderatamente alcoliche come vino e birra, evitate le bevande ad alto contenuto di alcol

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Facebook