Il fosforo in dosi eccessive danneggia i reni

immagine

Il fosforo? Non solo pare che non migliori più di tanto le nostre prestazioni, ma addirittura una sua eccessiva assunzione potrebbe provocare danni ai reni. Una ricerca italiana diretta dal professor Carmine Zoccali e pubblicata sul Journal of America Society of Nephrology ha esaminato la relazione esistente tra fosforo e reni, determinando che l'uno danneggia gli altri. Sono stati esaminati 331 pazienti affetti da insufficienza renale e dalle loro analisi è emerso che un'assunzione di fosforo, in grandi quantità, porta a seri danni per il sistema renale.

Diego Brancaccio, presidente Fir (Fondazione Italiana del Rene) ha consigliato le dosi massime di fosforo giornaliere oltre le quali scatta il pericolo: "Nell'arco di una giornata si consiglia di non superare i 1000mg di fosforo. Un grammo è la massima dose raccomandata nelle 24 ore. Superati i 4,5 milligrammi di fosforo per decilitro di sangue scatta l'allarme rosso".

Lo studio è importante soprattutto alla luce della prevenzione dei problemi renali: nel nostro Paese circa 1 adulto su 7 soffre di insufficienza renale. Trovare un modo per ridurre questo problema attraverso la prevenzione è un dovere degli scienziati. Tranquilli, come detto prima, non si avranno ripercussioni sulla vostra intelligenza ma si salveranno i vostri reni.

Lazzaro Langellotti