3 buoni consigli per migliorare la prima colazione

colazione wellme

Ad inizio di giornata imperativo categorico è fare la prima colazione.
Quanto sia importante non saltarla è ormai cosa nota ai più, anche se sono ancora molti quelli che si ostinano a non comprenderla nella propria dieta.

E allora, ecco a voi tre piccoli consigli su come affrontare questo importante appuntamento col proprio benessere.

1. Alzarsi dal letto e … sedersi a tavola: proprio così. Elogio alla lentezza. Concedete al vostro fisico e alla vostra mente tutto il tempo per abituarsi al duro passaggio letto/lavoro. Basta alzarvi cinque minuti prima perché imbandiate una tavola come Dio comanda con tutto ciò che desiderate mangiare. Trangugiare una brioche in piedi e per di più al bar non giova alla salute e nemmeno al portafogli. Lo dice un’indagine dell’Adoc: nei bar d’Italia fare colazione con un espresso più un cornetto costa circa 1,94 euro. Prezzi aumentati di circa il 6,9%, ma a Roma e a Milano si arriva anche al 13% in più. Dai 70-75 agli 80 centesimi di euro il costo medio di una tazzina, con punte di 90 cent e aumenti previsti fino a 1,10 euro.

2. Prodotti fatti in casa e cereali: inutile dire che un dolce fatto in casa è mille volte migliore di una merendina ricca di grassi di produzione industriale che vi farà venire una fame da lupi a metà mattinata. Non dimenticate, inoltre, cereali, toast e altri prodotti da forno, perché l’apporto di carboidrati a lento rilascio garantisce una buona copertura fino all’ora di pranzo.

3. Frutta, frutta e frutta: succo d’arancia, macedonia, frullati, una banana, uva … quello che volete purché ci sia la frutta (cercate di variare ogni giorno) sulla tavola della mattina per fare il pieno di vitamine e minerali e sentirvi sazi e appagati.

Buona giornata!