Drunkoressia: un nuovo disturbo che colpisce le giovanissime

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Abbiamo già parlato di un disturbo che si sta diffondendo sempre più in questi anni, l’atelofobia, ovvero la paura che hanno le donne delle proprie imperfezioni. Si aggiunge ora alla lista delle problematiche tipiche della nostra epoca, una nuova insana abitudine (molto in voga tra le giovanissime) che gli esperti hanno già battezzato con il nome di Drunkoressia.

Chiamata anche “anoressia da happy hour“, la nuova fobia che va di pari passo con la più nota anoressia, consiste nel digiunare tutto il giorno in modo da poter trarre le poche calorie che si ha intenzione di assumere nell’arco della giornata, esclusivamente dalle bevande alcoliche. Il “vantaggio” che vogliono ottenere in questo modo le ragazze è doppio: da una parte ridurre l’apporto calorico, dall’altro godere di un maggior effetto inebriante dovuto all’assunzione di alcool a stomaco vuoto.

Una situazione ovviamente molto pericolosa, come avverte la Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (Sipps), la prima a lanciare l’allarme su questo nuovo dilagante disturbo alimentare che è nato negli Stati Uniti ma che si è subito diffuso anche in Italia dove, secondo le stime, ha già colpito 300mila ragazze di età compresa tra i 14 e i 17 anni.

Tra i comportamenti scorretti che tengono queste giovanissime non c’è solo il digiunare fino a sera ma anche la scelta di tenersi su, durante la giornata, con caffè, sigarette, energy drink e chewing gum.

Chiaramente, avvisano gli esperti, gli effetti di questo stile di vita completamente insano possono essere molto gravi e duraturi nel tempo: problemi al fegato e al sistema nervoso, in primis, ma anche scomparsa del ciclo mestruale, osteporosi, aritmie cardiache e altro.

Leggi anche:

Anoressia: la foto dei manichini ‘normali’ che spopola sul web

Giornata nazionale disturbi alimentari: i consigli per prevenirli fin dall’infanzia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin