Etichette indicano i Km da percorrere per bruciare le calorie

diabete camminare

Potrebbe essere una lettura un po' deprimente. Ma le etichette e i menù che dicono quanti chilometri bisogna camminare per bruciare le calorie provenienti dai cibi ingeriti possono davvero aiutarci nella battaglia alla "ciccia" in eccesso.

I ricercatori della University of North Carolina, negli Stati Uniti, hanno scoperto che i commensali che contano le calorie sono più propensi a scegliere uno spuntino sano se il menu indica quanti chilometri bisogna percorrere a piedi per sbarazzarsene, rispetto a quelli che indicano solo il numero di calorie o informazioni nutrizionali.

La ricerca, pubblicata sulla rivista Appetite, mostra anche i consumatori sono più coinvolti se sanno quanta distanza hanno bisogno di coprire in chilometri, piuttosto che il numero di minuti di esercizio da fare. Si tratta di uno dei pochi studi a indagare su come le maggiori informazioni su calorie e ingredienti delle etichette dei prodotti alimentari abbia influenzato le abitudini alimentari. E se abbia o meno favorito un'alimentazione più sana.

Per questo gli esperti hanno voluto vedere come i diversi tipi di etichettatura fossero in grado di far cambiare il comportamento del consumatore interessato, reclutando 800 volontari e dividendoli in quattro gruppi.

Ogni gruppo doveva scegliere uno snack da fast food da un menu, ma, a seconda dei gruppi, alcuni non hanno ricevuto alcuna informazioni nutrizionale, altri sapevano il contenuto calorico, altri ancora il numero di minuti da percorrere a piedi necessario per bruciare le calorie e, infine, solo gli ultimi erano a conoscenza del numero di chilometri che dovevano percorrere.

Risultato? I clienti all'oscuro di qualsiasi dettaglio hanno scelto piatti con una media di circa 1.020 calorie ciascuno, ovvero la metà della dose giornaliera raccomandata per una donna calorico e il 40% di quella di un uomo. Chi aveva a disposizione informazioni sulle calorie ha scelto prodotti alimentari con una media di 927.

Ma ai volontari a cui era stato detto quanti minuti di camminata erano necessari, hanno optato per un apporto calorico medio di 916. Migliore di tutte le altre, la performance di chi sapeva quanti chilometri avrebbe dovuto percorrere: loro hanno scelto cibi con una media di 826 calorie.

'I menù con le calorie e quelli con i numeri di chilometri da percorrere a piedi per bruciare le calorie sembrano essere il metodo più efficace nel determinare la selezione di piatti calorici inferiori. La maggior parte dei partecipanti, l'82%, ha dichiarato di preferire le etichette che riportano l'attività fisica da compiere rispetto a quelle con informazioni sulle calorie", concludono i ricercatori.

Insomma, camminare non solo fa dimagrire, previene il diabete e preserva cuore e cervello, ma ci aiuta anche a ingerire meno calorie.

Roberta Ragni

Leggi anche: Città per camminare: ecco 4 buoni motivi per cui camminare fa bene