Happy Hour? Il peggior nemico delle diete

immagine

Maniaci dell’happy hour, tremate! Un sondaggio realizzato da melarossa.it sulle tentazioni che mettono alla prova chi sta affrontando una dieta, magari in vista dell’imminente estate, rivela che è proprio l’aperitivo il killer delle diete.

Le risposte dei partecipanti hanno dimostrato che per 1 italiano su 4 è proprio l’happy hour – mix in cui alcolici, rustici, pizzette e tartine si uniscono alla compagnia degli amici – il momento in cui si alza bandiera bianca, in cui buoni propositi, sforzi e privazioni alimentari capitolano.

Ma anche la solitudine fa la sua parte di diavolo tentatore, soprattutto quando in Tv c’è il programma preferito della settimana. Il 18% degli intervistati ammette che si tratta del momento in cui si avvertono con più forza i morsi della tentazione, magari con la voglia di dolce.

Sempre il sondaggio melarossa.it ci dice che ben il 15% degli utenti non riesce proprio a fare a meno di pensare ai piatti preferiti, e di cui è privato, mentre cucina pietanze dietetiche e salutari. Il 13%, invece, confessa di sudare quattro camice la domenica pomeriggio, quando il pensiero vola ossessivamente verso dolci, dolcini e dolcetti rimasti nel frigorifero.

Concedersi una trasgressione, però, non è un lusso che tutti possono permettersi. Il cosiddetto “sgarro” è lecito solo per chi segue una dieta dimagrante, non se le restrizioni alimentari sono causate da motivi di salute, come nel caso di diabetici e celiaci. In ogni caso, si può “sgarrare” solo in via eccezionale e non come alternativa fissa alla regola.

Roberta Ragni