Alimentazione nei bambini: gli impatti si vedranno anche quando saranno adulti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mangiare troppi grassi e zuccheri da bambino è una cattiva abitudine che può alterare il microbioma per tutta la vita, anche se poi – da adulto – quel bambino imparerà a mangiare più sano.

Ad affermarlo è un nuovo studio condotto dai ricercatori della UC Riverside, candidandosi ad essere uno dei primi a mostrare una significativa diminuzione del numero totale e della diversità dei batteri intestinali nei topi maturi, alimentati con una dieta malsana quando erano giovani.

Abbiamo studiato i topi, ma l’effetto che abbiamo osservato è equivalente ai bambini che hanno una dieta occidentale, ad alto contenuto di grassi e zuccheri e il loro microbioma intestinale è ancora influenzato fino a sei anni dopo la pubertà“, ha spiegato il fisiologo evolutivo della UCR, Theodore Garland, che ne ha parlato in maniera approfondita in un dossier che descrive lo studio è stato recentemente pubblicato nel Journal of Experimental Biology.

Cos’è il microbioma

Il microbioma di cui abbiamo parlato è l’insieme di tutti i batteri, funghi, parassiti e virus, che vivono sulla superficie dell’essere umano (o di animali) e al proprio interno. La maggior parte di questi microrganismi si trova nell’intestino, e la maggior parte di essi sono peraltro utili, stimolando il sistema immunitario, scomponendo il cibo e aiutando a sintetizzare le vitamine chiave.

In un corpo sano, c’è dunque un equilibrio di organismi patogeni e benefici. Tuttavia, se l’equilibrio è disturbato, sia attraverso l’uso di antibiotici, malattia o dieta malsana, il corpo potrebbe diventare suscettibile di malattia.

In questo studio, il team di Garland ha cercato impatti sul microbioma dopo aver diviso i loro topi in quattro gruppi: metà alimentato lo standard, dieta ‘sana’, metà alimentato la meno sana dieta ‘occidentale’, metà con accesso a una ruota in esecuzione per l’esercizio e metà senza.

Lo studio

Dopo tre settimane trascorse in queste diete, tutti i topi sono stati restituiti a una dieta standard e nessun esercizio, che è normalmente come i topi sono tenuti in un laboratorio. A 14 settimane, il team ha esaminato la diversità e l’abbondanza dei batteri negli animali.

Ebbene, in questa occasione è stato scoperto che la quantità di batteri come il Muribaculum intestinale era significativamente ridotta nel gruppo che aveva seguito una dieta più ricca di grassi e zuccheri (si tratta di un tipo di batteri è coinvolto nel metabolismo dei carboidrati).

L’analisi ha anche mostrato che i batteri intestinali sono sensibili alla quantità di esercizio fisico dei topi. I batteri Muribaculum sono aumentati nei topi nutriti con una dieta standard che avevano accesso a una ruota da corsa e sono diminuiti nei topi con una dieta ad alto contenuto di grassi, sia che avessero esercizio o meno. I ricercatori ritengono che questa specie di batteri, e la famiglia di batteri a cui appartiene, potrebbe influenzare la quantità di energia disponibile per il suo ospite.

Un altro effetto degno di nota è stato l’aumento di una specie di batteri molto simile che sono stati rilevati in misura più diffusa dopo cinque settimane di allenamento su tapis roulant in uno studio di altri ricercatori, suggerendo che l’esercizio da solo può aumentare la sua presenza.

Conclusioni

Insomma, nel complesso, i ricercatori hanno scoperto che una dieta ricca di grassi e zuccheri, come spesso avviene nel mondo occidentale nelle prime fasi della vita di un giovane uomo, ha avuto effetti duraturi sul microbioma.

Il team di Garland vorrebbe a questo punto ripetere questo esperimento in misura più ampia, al fine di capire meglio quando i cambiamenti nel microbioma appaiono per la prima volta, e se si estendono nelle fasi successive della vita.

Indipendentemente da quando gli effetti appaiono per la prima volta, tuttavia, i ricercatori dicono che è significativo che i risultati siano stati osservati così a lungo dopo aver cambiato la dieta.

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laurea in Economia e commercio, da sempre appassionato di scrittura online e di mondo femminile in particolare: moda, capelli, bellezza.