immagine

Stretching? Se non l’avete mai fatto, meglio non cominciare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Abbiamo sempre sentito dire che prima della corsa occorre fare un po’ di stretching per prevenire i traumi muscolari. Ebbene, un recente studio dimostra che non è proprio così.

Su quasi 3000 corridori “esaminati” dalla ricerca presentata al meeting annuale dell’American Academy of Orthopaedic Surgeons (AAOS) e condotto da Daniel Pereles, non sono infatti state riscontrate differenze tra chi si sottoponeva alle terribili torture dell’allungamento dei muscoli e chi, invece, ne faceva tranquillamente a meno.

La predisposizione a strappi e dolori muscolari non cambia, mentre incidono le lesioni croniche o risalenti agli ultimi 4 mesi, un elevato indice di massa corporea e il cambiamento di abitudini: ebbene sì, se siete abituati a fare stretching prima di correre, meglio non cambiare all’improvviso e continuare con gli esercizi, anche se fastidiosi.

La stessa cosa vale per chi invece di “tirare” i muscoli prima dell’allenamento, non ne vuole proprio sapere: meglio continuare così.

Lo stesso ortopedico statunitense, autore dello studio, ha dichiarato: Da corridore, io stesso ho sempre pensato che lo stretching prima della corsa aiuta a prevenire gli infortuni. Invece, dopo aver analizzato il campione di corridori che abbiamo preso in esame si è notato che a incidere nell’aumento dei problemi muscolari è l’improvvisa introduzione di un nuovo regime di esercizi fisici.

Eleonora Cresci

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin