immagine

Praticate spinning? Attenzione al mal di testa!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Lo sport è, senza dubbio, un alleato della salute e del benessere psico-fisico ma, se praticato intensamente, può causare dei disturbi. È il caso dello spinning, che può provocare mal di testa, come sostiene un recente studio condotto dal Dipartimento di Medicina dello sport del Sint Lucas Andreas Hospital di Amsterdam e dal Meander Medical Centre di Amersfoort.

Che cos’è lo spinning? Si tratta di un’attività sportiva che si è diffusa a partire dagli anni ’90 grazie a Johnny G, atleta californiano noto in tutto il mondo. Viene praticato in palestra da persone di tutte le età e si basa sull’uso di una bicicletta fissa, attraverso la quale si cerca di ricreare il reale utilizzo della bicicletta. In ogni bike, infatti, si può variare la resistenza del perno dei pedali, in modo da simulare la pedalata in pianura, in salita o in discesa, con conseguenti sforzi muscolari delle gambe di diversa intensità, a seconda dell’esercizio. Il tutto a ritmo di musica, che aiuta a sincronizzare i movimenti con la resistenza dei pedali.

È proprio l’alta concentrazione di sforzi muscolari a provocare quella che è stata definita “cefalea da sforzo“. Secondo la ricerca, che è stata pubblicata sulla rivista Headache, su 4 mila ciclisti analizzati, ne avrebbe sofferto il 45%, di cui il 37% almeno una volta al mese e il 10% ogni settimana. A soffrirne di più sarebbero le cicliste, con una frequenza pari al 54%, ma questo dato non rappresenta una novità in quanto, si sa, le donne soffrono di mal di testa il doppio degli uomini. Ad esserne meno colpiti, invece, sarebbero gli anziani, poiché tendono ad evitare sforzi eccessivi.

La cefalea da sforzo riguarda il 26% della popolazione generale, un dato abbastanza irrisorio, ma che non deve essere sottovalutato, soprattutto se non si fanno troppi sforzi al lavoro o in palestra. Si caratterizza per la sua comparsa improvvisa e la sua forte intensità. In certi casi, può provocare confusione o svenimento.

È stato comunque dimostrato che questo tipo di mal di testa non derivi da alcuna malattia, ma sia di carattere benigno, secondo quanto riporta uno studio del 2008 pubblicato sul Journal of Headache and Pain.

Tuttavia, bisogna prestare attenzione agli sforzi eccessivi durante l’attività fisica e, se si soffre di cefalea da sforzo ma non si vuole rinunciare alla bicicletta, via alle pedalate all’aria aperta.

Silvia Bianchi

Leggi anche:

– Mal di testa: tutte le forme e i rimedi naturali per sconfiggerlo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Seguici su Facebook