Artrite, l’attività fisica fa male alle ginocchia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È opinione comune che fare attività fisica sia uno dei rimedi migliori per garantirsi un’ottima salute fisica e psichica nel tempo. Ma da Chicago, arriva una notizia rivoluzionaria che stravolge tutto. Quindi, pigri iniziate a gioire!

Uno studio effettuato dall’Università della California e presentato in occasione del meeting Radiological Society of North America, tenutosi a Chicago, ha scoperto che l’eccesso di attività fisica provoca l’artrite nelle persone di mezza età. I ricercatori hanno studiato i comportamenti di un gruppo di 236 persone (uomini e donne) tra i 45 e i 55 anni ed è emerso che coloro che hanno effettuato attività fisica intensa erano più propensi a soffrire di dolori articolari alle ginocchia. I partecipanti, che non avevano mai avuto disturbi alle ginocchia, sono stati divisi in tre gruppi:

  1. persone che facevano esercizi a bassa intensità;
  2. individui che svolgevano attività a media intensità;
  3. soggetti che praticavano sport ad elevata intensità.

Successivamente i ricercatori hanno effettuato una risonanza magnetica e hanno identificato un legame tra i livelli di attività fisica e la frequenza e la gravità dei danni alle ginocchia. Le attività incriminate non sono solo quelle più faticose, ma anche fare piccoli sport, camminare molto ogni settimana, praticare il giardinaggio e gli altri lavoretti domestici. Tutte queste attività innescano l’osteoartrite, cioè la forma più comune e diffusa di artrite caratterizzata dalla degenerazione della cartilagine articolare, che può anche portare alla sua rottura. Quindi le persone di mezza età devono abolire la corsa o altre attività in cui sono presenti piccoli salti e al limite devono preferire il nuoto o il ciclismo che non provocano pressioni sulle ossa e sulle articolazioni.

Christoph Stehling, uno dei ricercatori che ha coordinato lo studio, spiega: “I nostri dati suggeriscono che le persone che fanno più elevati livelli di attività fisica possono essere a maggior rischio di sviluppare anomalie alle ginocchia e, quindi, sono più ad alto rischio per lo sviluppo dell’artrosi. Inoltre, i difetti della cartilagine diagnosticati nelle persone più attive sono stati più gravi”.

Attenzione quindi cari miei, il tempo passa e bisogna adeguarsi ai cambiamenti. Ma guardate il lato positivo della faccenda: sarebbe stato molto peggio se, invece di ridurre l’attività fisica, aveste dovuto aumentarla. Non tutto viene per nuocere!

Lazzaro Langellotti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Magazine d'informazione online su tematiche legate al benessere, alla bellezza e alla salute. Comunichiamo i metodi del come stare bene e meglio.