La papaya fermentata, frutto della giovinezza e altro ancora

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La papaya fermentata è sicuramente uno degli integratori naturali più richiesti dal mercato negli ultimi anni. Cosa si nasconde dietro questa tendenza? Nulla di più semplice: la papaya fermentata si presenta come un vero e proprio filtro de “l’eterna” giovinezza… leggenda o pura realtà?

Come nella maggior parte dei casi la verità sta nel mezzo, in quanto la papaya fermentata rispetto alla papaya fresca contiene un maggior numero di enzimi antiossidanti, i quali vengono potenziati proprio nel periodo di fermentazione e fanno sì che questo frutto si proponga come un vero e proprio difensore della giovinezza. Il compito degli enzimi antiossidanti che troviamo nella papaya fermentata è infatti quello di attaccare i radicali liberi e trasformarli in sostanze innocue al nostro organismo, attenuando così gli effetti della degenerazione delle cellule causati dall’età o da vere e proprie malattie come l’Alzheimer e il morbo di Parkinson.

Questo frutto esotico, dall’aspetto molto simile ad un melone, oltre ad essere ricco di enzimi anti-age, gode anche di altre importanti proprietà, per esempio grazie ad un alto numero di carboidrati (che vengono assorbiti facilmente), vitamine del gruppo B e sali minerali, si presenta come un ottimo prodotto energizzante e immunostimolante.

La papaya fermentata inoltre essendo ricca di enzimi digestivi, facilita il processo di assorbimento degli alimenti e di conseguenza aiuta la digestione, in più facilita il lavoro del fegato e riduce la produzione di metaboliti, ossia quelle sostanze digerite solo in parte che rallentano il transito intestinale. Da non dimenticare è la presenza di Lisozima e Carpaina, un enzima e un alcaloide, che svolgono una mirata azione antisettica e preventiva contro le infezioni che attaccano l’intestino.

In più per tutte le donne (ma non solo) che sono costantemente ossessionate dalle diete dimagranti e dal perdere peso, c’è una buona notizia: la papaya fermentata dona energia e senso di sazietà, in cambio di un bassissimo apporto calorico!

Limitare le proprietà della papaya fermentata alla sola azione anti-age è davvero riduttivo, in quanto come abbiamo potuto vedere fin’ora le proprietà di questo favoloso frutto sono davvero innumerevoli e a mio avviso lodevoli, vi sembrerà strano ma oltre alle tante virtù elencate fino ad ora ci sono tante altre proprietà della papaya fermentata che non vi ho ancora citato, non perché siano meno importanti di quelle di cui precedentemente discusso, ma semplicemente perché sono molto meno conosciute.

Tra le qualità meno conosciute della papaya fermentata c’è per esempio la proprietà depurativa, la papaya infatti stimola sensibilmente lo smaltimento e l’eliminazione delle sostanze di scarto e in più purifica il sangue.

Si ritiene inoltre che grazie alla presenza di sali minerali quali calcio, magnesio e potassio, la papaya sia un ottimo alleato della salute delle ossa e che addirittura aiuti a prevenire l’osteoporosi (soprattutto durante la menopausa).

Da ultimo, non per importanza ovviamente, va aggiunto che questo frutto può essere assunto anche come antidoto contro meteorismo, diarrea, stitichezza e infiammazione intestinale.

Oltre agli usi fino ad ora elencati, esistono altri tantissimi usi benefici della papaya, questo frutto gode di numerose proprietà anche quando viene consumato fresco, in quanto è ricco di vitamine e oligoelementi che favoriscono quello che più ci sta a cuore, il benessere del nostro organismo. Dunque fresca o fermentata che sia, la papaya è davvero un ottimo frutto e vi assicuro vale davvero la pena provarla!

Italia Imbimbo

Leggi anche:

PAPAYA, UN FRUTTO ESOTICO GUSTOSO E BENEFICO

ARISTOTELIA MAQUI: IL MIRTILLO DELLA PATAGONIA DALLE PROPRIETÀ ANTIOSSIDANTI

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin