Lo Shiatsu, l'arte del tatto

immagine

Lo Shiatsu, vera e propria terapia del corpo e dello spirito, e cugina dell’agopuntura, è la tecnica che libera dallo stress della vita quotidiana e dalle tensioni muscolari con la semplice pressione delle dita.

Shi”, infatti, significa “dita” e “atsu” pressione. Lo Shiatsu è stato riconosciuto dai Giapponesi come una medicina a sé stante nel 1954. Il medico, specialmente con la sola pressione dei pollici, più o meno forte e più o meno prolungata, riesce a rilassare e stimolare al tempo stesso, i “canali invisibili” in cui circola l’energia. C’è chi ha risolto il problema dell’insonnia in una sola sessione, chi problemi digestivi, chi rigidità al collo.

La “magia” insita nella tecnica Shiatsu è proprio quella di riuscire a guarire rapidamente molti fastidi del corpo così come quelli dell’anima. Ovviamente, malattie croniche come la depressione o la tossicodipendenza non si risolvono in una seduta, ma questa tecnica può seriamente aiutare. Basta tenere presenti le possibili controindicazioni: il massaggio Shiatsu non deve mai essere eseguito in presenza di ferite aperte, ulcere o gravi malformazioni. In caso di bambini o anziani, il trattamento sarà affrontato in modo particolarmente dolce.

Conservare l’energia vitale che ci anima è l’obiettivo principale di questa ormai famosissima terapia: essa stimola i punti di agopuntura che mostrano una mancanza di energia; si pone un dito sul punto dolente e da ciò vengono tratti molti benefici, specialmente agendo sulle cause piuttosto che sui sintomi. Sempre per la serie: prevenire è meglio che curare. Se si ha un fastidio, meglio agire subito prima che diventi dolore!

Il tocco Shiatsu libera il paziente dai traumi del suo passato, spesso nascosti, ed alleggerisce lo spirito. Massaggiati dalla testa ai piedi, possiamo avvertire ogni centimetro del nostro corpo, percependolo nella sua totalità. Nessuno può improvvisarsi specialista Shiatsu nel giro di un week-end: sono necessari almeno due o tre anni di formazione in più livelli. E come scegliere “il professionista”?

Innanzitutto, decidiamo per prima cosa da chi vogliamo farci toccare, uomo o donna, giovane o maturo. Poi, fidiamoci del nostro istinto e dei nostri sentimenti più personali. È legittimo non desiderare il tocco di chi ci farebbe sentire a disagio: invece che rilassarci, ci bloccheremmo di più!

Lo Shiatsu deve svolgersi in silenzio, iniziando dal ventre o dalla schiena e coinvolgendo tutto il corpo. Generalmente, una seduta di un’ora costa 45 euro e, per i casi lievi, è consigliabile un trattamento di almeno tre sedute. I casi in cui risulta particolarmente efficace sono dolori fisici, come mal di schiena, problemi digestivi, dolori articolari, mal di testa, e particolari stati d’animo, quali stress, ansia, nervosismo, disturbi del sonno.

Per approfondire l’argomento visitate questo sito. E, se il mondo delle tecniche orientali vi appassiona, non perdete la nostra sezione “Oriente & Dintorni”!

Chiara Casablanca