5 minuti di verde al giorno per migliorare l’umore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Bastano cinque minuti al giorno immersi nel verde per migliorare la propria salute rafforzando le difese immunitarie. È quanto emerge da uno studio condotto da alcuni ricercatori dell’Università dell’Essex (UK) e pubblicato sulla rivista “Enviromental Science and Technology“.

Ed ecco alcune delle attività salutari segnalate dalla ricerca: fare giardinaggio, fare una passeggiata, andare in bici, a cavallo e occuparsi dell’orto. Tutte queste attività aumenterebbero il senso di autostima e benessere, riducendo infine i rischi di depressione e ansia. Tali benefici riguardano soprattutto i giovani e chi è afetto da disturbi psicologici.

Per dimostrare la veridicità del loro assunto, gli scienziati britannici sono partiti dagli esiti di alcune ricerche precedenti, che mostravano come la vita all’aria aperta fornisse un valido aiuto contro le malattie mentali aumentando al tempo stesso il benessere. In queste ricerche, tuttavia, mancava la quantità di tempo necessario per ottenere i vantaggi descritti.

Così, gli studiosi dell’Università dell’Essex si sono cimentati ijn ncalcoli e osservazioni e hanno alla fine affermati che bastano anche 5 soli minuti al giorno per avere gli effetti sperati. Per farlo, hanno esaminato i dati di 1252 persone (diverse età, generi e stati di salute mentale), mettendo in relazione salute e verde.

Pretty e Barton, che hanno preso parte alla ricerca hanno spiegato: “Crediamo che possa essere un enorme beneficio potenziale per gli individui, la società e per tagliare i costi del servizio sanitario, se tutte le persone si autocurassero di più con l’esercizio verde“.

La bella stagione è ormai alle porte. Approfittiamo del consiglio e saremo di certo più allegri.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.