Cellulite: un nuovo metodo per contrastarla

cellulite rimedi

14 milioni di donne in Italia soffrono di cellulite, una problematica caratterizzata dalla tipica 'buccia d'arancià. Della cellulite si dice molto ma in effetti sono in pochi a sottolineare che questo disturbo 'costringe' il sistema circolatorio a un iper-lavoro che provoca la sofferenza dei capillari. Questi ultimi, costretti, non riescono a smaltire le tossine in maniera efficiente e il risultato sono cellule adipose, fibrosi e tessuti morti. Non si tratta, quindi, soltanto di un inestetismo cutaneo ma di una vera e propria malattia da curare al meglio.

Una delle ultime novità nel campo è la SIN Therapy di WinForm che permette di raggiungere lo scopo attraverso la sinergia delle azioni chimica, energetica e meccanica in maniera non invasiva e senza effetti collaterali. Il nuovo sistema è stato sperimentato in uno studio clinico dell'Università La Sapienza su dieci donne di età compresa tra 20 e i 45 anni, con cellulite di vario tipo: gli effetti sono stati sorprendenti. Grazie, infatti, a una risonanza magnetica in multifrequenza, che ri-attiva tutti i canali del metabolismo, le frequenze entrano in sintonia con i tessuti destrutturando le cellule adipose dall'interno e favorendone la rigenerazione.

Nei controlli ecografici eseguiti dopo 10 sedute di trattamento, in tutte le pazienti è stata documentata una riduzione del tessuto adiposo sottocutaneo e la scomparsa dei noduli fibrosi. Nel 75 per cento delle partecipanti si è riscontrato un miglioramento microcircolatorio, la netta riduzione dell'effetto "buccia d'arancia" e un miglioramento dell'elasticità e della compattezza cutanee – oltre alla riduzione del dolore normalmente percepito durante la palpazione. Un metodo che non richiede anestesia e che non è invasivo, insomma un metodo da valutare se volete affrontare questo problema tanto inestetico quanto insalubre.

Sara Tagliente

Leggi anche:

- Frutta e verdura contro la cellulite