influenza

Influenza: previsti 80k italiani a letto. Come prevenirla

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il caldo agostano fuori stagione che ha caratterizzato questo inizio di autunno ha le ore contate: dal prossimo fine settimana, assicurano i meteorologi, ci sarà un brusco abbassamento delle temperature.

E le conseguenze per gli italiani, in termini salutistici, non si faranno attendere. Così, gli esperti prevedono che circa 80.000 persone saranno colpite da virus parainfluenzali, ovvero circa 260 virus che determinano patologie simili all’influenza, ma più leggere. Il che significa febbre, faringiti, dolori articolari, spossatezza, raffreddore e tosse.

Già le scorse settimane sono stati circa 60.000 gli italiani che si sono ammalati, ma con l’arrivo delle temperature fredde il numero aumenterà di ben 20mila unità, di cui oltre un terzo saranno bambini. Non si tratta però, almeno per ora, di influenza vera e propria, che arriverà come sempre all’inizio di dicembre con picchi maggiori tra gennaio e febbraio.

Quest’anno – spiega Fabrizio Pregliasco, virologo dell’università degli Studi di Milano – ci attendiamo 3 tipi di virus influenzali: il già noto H1N1, declassato a stagionale, l’H3N2 e il B/Brisbane. Poi ci saranno i virus similinfluenzali. Per questo le Asl si stanno già attrezzando per cominciare la campagna di vaccinazioni fin dalla metà di ottobre per le fasce deboli (anziani, donne in dolce attesa e malati cronici). Per maggiori informazioni sull’influenza, sui vaccini, sulla prevenzione e il controllo dell’influenza, è possibile consultare le raccomandazioni del Ministero della Salute per la stagione 2011-2012.

Ma come difendersi, intanto, da questa prima ondata di sintomi influenzali?

Le regole d’oro, secondo gli esperti, sarebbero 4:

  • prima di tutto, bisogna evitare gli sbalzi termici coprendosi adeguatamente e utilizzando il classico “trucco” dell’abbigliamento “a cipolla”.
  • altro consiglio è quello di fare un uso responsabile dei farmaci per alleviare i sintomi, magari scegliendo rimedi naturali come quelli che noi di WellMe vi abbiamo sempre consigliato.
  • anche una buona igiene delle mani e delle secrezioni respiratorie può avere un ruolo determinante: importantissimo lavarsi spesso le mani.
  • infine, è fondamentale scegliere un’alimentazione il più possibile corretta per aiutare le difese naturali del corpo. A tal proposito leggi anche Come combattere l’influenza con l’alimentazione e i cibi contro il mal d’autunno.

E che Dio ce la mandi buona!

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Seguici su Facebook