fumo sigarette mattina

Fumo passivo: nuoce gravemente… all’udito

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Irriducibili del fumo? Se avete bambini ecco un altro valido motivo per dire addio alle sigarette.

Era già noto che il fumo passivo producesse numerosi danni a livello polmonare e cardiaco: di recente è stato scoperto che tra i suoi effetti collaterali c’è anche il rischio di provocare sordità, in particolare nei bambini e negli adolescenti. A svelarlo è uno studio condotto presso la School of Medicine dell’Università di New York.

Secondo i ricercatori, i maggiori problemi si concentrerebbero nella coclea, un organo che si trova nella parte interna dell’orecchio. Gli studiosi hanno selezionato 1533 ragazzi, di età compresa tra i 12 ed i 19 anni, tutti non fumatori ed hanno esaminato i livelli di cotinina – un metabolita della nicotina e cioè un prodotto della trasformazione della nicotina da parte dell’organismo – contenuti nel loro sangue, sottoponendo poi i giovani a test dell’udito.

Il risultato? Coloro che avevano livelli più elevati di cotinina ottenevano risultati peggiori nei test dell’udito ed avevano maggiori probabilità di sviluppare una perdita dell’udito unilaterale nelle basse frequenze, disturbo che tendenzialmente si riscontra nei bambini con sordità congenita o nelle persone anziane, in cui il suo manifestarsi è legato appunto all’avanzare dell’età.

Secondo Michael Weitzman, uno degli autori dello studio “Il calo dell’udito sarebbe dovuto a problemi nella circolazione sanguigna“, il dato allarmante è che ben l’80% dei ragazzi sottoposti allo studio non si era mai lamentato per problemi all’udito, soffriva quindi di un’ipoacusia ancora lieve, ma pur sempre in grado di provocare danni alla vita scolastica e relazionale.

Il consiglio dei ricercatori statunitensi è quello di sottoporre ad uno screening dell’udito bambini ed adolescenti, per evitare loro problemi nei livelli di attenzione e quindi nell’apprendimento.

Potete fare ancora di più, per i vostri figli e per voi stessi: smettete di fumare, aiutandovi anche con la lettura dei nostri consigli per liberarvi finalmente dalla dipendenza dalle sigarette.

Francesca Di Giorgio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin