letto presto voti alti

Bimbi: se vanno a letto presto a scuola hanno voti più alti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

“Bambini a letto presto! Domani si va a scuola!” quante volte da bambini ci siamo sentiti ripetere questa frase? Eppure mamma e papà avevano ragione.

Secondo uno studio condotto da Sri International, un istituto di ricerca indipendente e no-profit situato a Menlo Park, in California, i bambini che vanno a dormire presto la sera dormono meglio, apprendono di più e quindi hanno voti più alti.

Coordinato dalla ricercatrice Erika Gaylor, lo studio ha preso in esame ben 8 mila bambini di età diverse, dai 9 mesi ai 4 anni per un periodo di circa 4 anni. Dall’osservazione è emerso che i bimbi che dormono circa 11 ore a notte quindi che vanno a letto alle 21, ottengono migliori voti a scuola poiché hanno un migliore rendimento, e sono anche più bravi in matematica.

Esiste quindi un rapporto tra sonno e apprendimento, e per dimostrarlo gli studiosi hanno svolto dei particolari test di attenzione, logica e linguaggio.

Erika Gaylor ha mostrato soddisfazione durante la presentazione dello studio:

Questo è il più grande studio di questo tipo fino ad oggi. Precedenti studi hanno incluso fino a 500 bambini in questa fascia di età“.

Ma lo studio ha comunque sollevato dei dubbi sulla sua attendibilità. E le perplessità riguardano la differenza nelle modalità di indagine, ad esempio. Non è la stessa cosa infatti “misurare” le capacità attentive o di apprendimento di un lattante e quelle di un bambino di 4 anni. A ciò si aggiungano anche i fattori psico-sociali cui un bambino è sottoposto.

Resta il fatto che, a prescindere dallo studio, un sano riposo aiuta sicuramente grandi e piccoli ad essere più pimpanti e reattivi il giorno dopo.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Seguici su Facebook