Bere troppa acqua fa male

pixabay/@congerdesign

Bere troppa acqua fa male

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’acqua è fondamentale per le funzioni vitali del nostro corpo, ogni cellula ne ha bisogno per funzionare correttamente. Tuttavia, contrariamente a quanto si pensi, bere troppa acqua fa male e può portare a danni molto gravi per la salute.

I rischi

L’intossicazione da acqua, tecnicamente detta iponatriemia, è molto rara, ma può accadere che se ne beva troppo durante i periodi di preparazione a competizioni atletiche o durante allenamenti intensi. I sintomi variano dal disorientamento fino alla nausea o al vomito.

Quando si beve più acqua rispetto a quanta il corpo ne necessita, il quantitativo di quest’ultima nel sangue aumenta in modo pericoloso, diminuendo il livello di sodio, che aiuta a mantenere l’equilibrio dei liquidi all’interno e all’esterno delle cellule.

Quando i livelli di sodio diminuiscono a causa dell’eccessivo consumo di acqua, i fluidi viaggiano dall’esterno all’interno delle cellule, facendole gonfiare.

I sintomi

Quando una persona consuma una quantità eccessiva di acqua e le cellule del cervello iniziano a gonfiarsi e la pressione all’interno del cranio aumenta.

I sintomi includono:

  • mal di testa
  • nausea e vomito

Fino ad arrivare a condizioni più gravi in cui si avverte:

  • sonnolenza
  • debolezza muscolare o crampi
  • aumento della pressione sanguigna
  • visione doppia
  • sensazione di malessere generale
  • respirazione difficoltosa

Quando può accadere?

L’intossicazione da acqua colpisce più comunemente le persone che partecipano a eventi sportivi o allenamenti di resistenza, come nel caso di grandi competizioni sportive o di esercitazioni militari che richiedono un grande sforzo fisico.

Di quanta acqua abbiamo bisogno?

Secondo quanto riportato dal Centers for Disease Control and Prevention non ci sono linee guida ufficiali e precise su quanta acqua una persona ha bisogno di bere ogni giorno. La giusta quantità varia a seconda di fattori diversi per ogni persona, come il peso corporeo, il livello di attività fisica, il clima dell’ambiente di provenienza o le condizioni fisiche (ad esempio in caso di allattamento).

Uno studio del 2004 della National Academy of Medicine, ha raccomandato che le donne di età compresa tra 19 e 30 anni consumassero circa 2,7 litri al giorno e gli uomini della stessa età circa 3,7 litri al giorno. Fare affidamento sulla sete potrebbe non funzionare per tutti. Atleti, anziani e donne in gravidanza potrebbero aver bisogno di un quantitativo di acqua diverso.

Fonte: medicalnewstoday.com

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in comunicazione e laureanda in giornalismo, sogna di potersi avvicinare sempre di più a questo mondo e scoprirne ogni suo aspetto