scabbia

Scabbia: cos’è, come si contrae, i sintomi e le cure

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La scabbia è una malattia della pelle molto pruriginosa che può essere trasmessa da una persona all’altra attraverso il contatto della pelle. È causata da un parassita chiamato l’acaro della scabbia che vive sulla pelle.

Essa è facilmente curabile con due applicazioni di lozione insetticida applicata sulla pelle a una settimana di distanza l’una dall’altra.

Cos’è la scabbia?

La scabbia è causata da un acaro (un piccolo insetto parassita) chiamato Sarcoptes scabiei.

sarcoptes scabiei

Gli acari della scabbia sono molto piccoli. Hanno un corpo color crema, setole e spine sulla schiena e quattro paia di zampe. L’acaro femminile è più grande (circa 0,4 mm x 0,3 millimetri) rispetto a quello maschile (0,2 mm x 0,15 millimetri). A occhio nudo potrebbero sembrare grandi come un granello di sabbia.

Gli acari femminili nidificano sulla pelle e depongono le uova (sono circa 40-50 le uova che vengono deposte nel corso della vita di un acaro).

Le uova si schiudono in larve dopo 3-4 giorni e diventano adulte entro 10-15 giorni.

La maggior parte dei sintomi della scabbia è dovuta alla risposta del sistema immunitario agli acari, o alla loro saliva o alle uova o alle loro feci. In altre parole, l’eruzione cutanea e il prurito sono per lo più causati da reazioni allergiche del vostro corpo agli acari, piuttosto che agli acari stessi.

Il numero medio di acari su una persona infetta è 12.

Come si contrae la scabbia?

È necessario uno stretto contatto con una persona infetta per contrarre la scabbia. Questo perché l’acaro della scabbia non può né saltare né volare.

La maggior parte dei casi di scabbia è probabilmente dovuta al tenersi per mano con una persona infetta per un tempo prolungato (la mano è il veicolo più comune per essere contagiati) o lo stretto contatto nei rapporti sessuali.

In genere è necessario stare a contatto con la pelle per 15-20 minuti per contrarre la scabbia. Pertanto, è difficile contrarre la scabbia da una persona infetta nel corso di un breve contatto casuale, come una stretta di mano o un abbraccio. Comunque più acari ci sono, più velocemente questi possono diffondersi ad un’altra persona.

A volte, le epidemie di scabbia si verificano in luoghi come asili e case di riposo, in cui le persone sono in costante contatto.

Quali sono i sintomi della scabbia?

  • Prurito;
  • Gallerie dell’acaro (burrows);
  • Eruzione cutanea;
  • Sfregamento;
  • Aggravamento delle condizioni della pelle pre-esistenti.

Come viene diagnosticata la scabbia?

La scabbia è di solito diagnosticata semplicemente osservando l’eruzione cutanea. Un medico sarà in grado di riconoscere il tipico aspetto delle eruzioni cutanee della scabbia e di trovare una o più gallerie degli acari sulla pelle per confermare la diagnosi.

Tuttavia, a volte è difficile capire la differenza tra l’eruzione cutanea causata da scabbia e le eruzioni di alcune altre malattie della pelle. Pertanto, un raschiamento della pelle può essere inviato in laboratorio per cercare gli acari con l’aiuto del microscopio in caso di dubbio.

Come si cura la scabbia?

La scabbia è curabile. Il tipico trattamento per la scabbia è la crema di permetrina. La permetrina è un insetticida che uccide gli acari ed è nota per essere il trattamento che funziona meglio. Se non è possibile utilizzare la permetrina (alcune persone possono essere allergiche), in alternativa è possibile utilizzare una lozione chiamata malathion liquido.

È possibile acquistare entrambi questi prodotti presso le farmacie e su prescrizione medica. Sono facili da applicare e normalmente funzionano bene se usati correttamente.

È importante leggere il foglio illustrativo che accompagna il prodotto, per le istruzioni precise su dove e come applicarlo.

Bisognerà comunque applicare lo stesso trattamento 7 giorni dopo la prima applicazione. Ciò contribuisce a fare in modo che tutti gli acari vengano uccisi.

Il prurito non sparisce subito, ma si continuerà ad avere prurito ancora per un po’ di tempo dopo il trattamento.

È normale che siano necessarie fino a 2-3 settimane (e talvolta fino a 6 settimane) affinché il prurito sparisca completamente.

Poiché il prurito può essere un fastidio, lo si può alleviare con trattamenti topici che si applicano alla pelle (come creme o lozioni) o con un farmaco assunto per via orale. Il proprio medico o il farmacista possono consigliare i prodotti più adatti. Anche degli idratanti freddi (emollienti), soprattutto se contengono mentolo, possono dare un sollievo temporaneo.

Consultare un medico se il prurito persiste più di 2-3 settimane dopo il trattamento, potrebbe essere necessario un altro trattamento.

Chi deve eseguire il trattamento per la scabbia?

Se non trattata, la scabbia può rimanere per sempre nella vostra pelle. Pertanto, il trattamento è necessario per:

  • chiunque ha la scabbia;
  • tutti i membri della famiglia, contatti stretti, partner sessuali della persona interessata, anche se loro non hanno sintomi.

Questo perché possono essere necessarie fino a 6 settimane per sviluppare i sintomi dopo essere stati contagiati.

Fonte: patient.info

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Magazine d'informazione online su tematiche legate al benessere, alla bellezza e alla salute. Comunichiamo i metodi del come stare bene e meglio.