Tumori UE: approvato il Trastuzumab contro carcinoma gastrico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Via libera dalla Commissione europea all’uso di trastuzumab insieme alla chemioterapia nei pazienti affetti da tumore allo stomaco metastatico HER2 positivo.

Approvazione dovuta ai risultati positivi dello studio internazionale ToGA, che ha mostrato che il trattamento con trastuzumab è in grado di prolungare di molto la vita dei pazienti. La sopravvivenza complessiva per i pazienti con elevati livelli di HER2 nello studio ToGA è stata di 16 mesi contro gli 11,8 (in media) dei pazienti che hanno ricevuto soltanto chemioterapia.

Trastuzumab è la prima terapia biologica target che ha mostrato benefici in termini di sopravvivenza per i casi di tumore gastrico in stadio avanzato e rappresenta un notevole progresso nel trattamento di questa patologia molto aggressiva“. – dichiara Pascal Soriot, Chief Operating Officer di Roche Pharmaceutical. Siamo convinti che trastuzumab sarà un valido aiuto per i pazienti affetti da tumore allo stomaco HER2 positivo così come lo è stato per molte donne colpite da carcinoma mammario HER2 positivo“.

L’autorizzazione alla commercializzazione è valida con effetto immediato in tutti gli Stati dell’Unione europea e in Islanda, Liechtenstein e Norvegia e presto ci saranno altre concessioni all’estensione di trastuzumab anche in altre aree del mondo.

Il tumore dello stomaco è la seconda causa di morte per cancro al mondo e la quarta forma di tumore diagnosticata più frequentemente, con più di un milione di nuovi casi all’anno. Il tumore gastrico avanzato è associato ad una scarsa prognosi; la sopravvivenza media dopo la diagnosi è di circa 10-11 mesi con le terapie oggi disponibili. La diagnosi precoce di questa forma di tumore è difficile dal momento che la maggior parte dei pazienti non ha alcun sintomo nello stadio iniziale.

Trastuzumab viene commercializzato negli Stati Uniti da Genentech, in Giappone da Chugai e a livello internazionale da Roche. Dal 1998, trastuzumab è stato utilizzato per curare più di 740.000 donne affette da carcinoma mammario HER2 positivo in tutto il mondo.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.