Tumore alla prostata: nuovo test non invasivo per la diagnosi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Presentato al Servizio di Patologia Clinica dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena di Roma il nuovo esame che consentirà di stabilire e monitorare l’aggressività di un tumore alla prostata e selezionare i pazienti con un tumore clinicamente significativo.

Si tratterà di un semplice esame del sangue, un test, che prende il nome di “2pro PSA e phi“, più accurato e più specifico dei due test già in uso, il PSA totale e il PSA libero.

Il PSA totale – spiega Laura Conti, che dirige il centro – è caratterizzato da una ridotta specificità per l’identificazione precoce del tumore prostatico”. Da qui la necessità di affiancare al PSA totale e al PSA libero il nuovo marcatore «[-2]pro PSA» e l’algoritmo «phi» per una diagnosi più specifica. “Il ‘phi’ non sostituisce il test del PSA – dice Conti – bensì migliora la specificità clinica di rilevamento del carcinoma prostatico rispetto ai test attualmente in uso (PSA totale e percentuale di PSA libero) identificando con maggiore accuratezza il paziente candidato a una biopsia prostatica“.

Il tumore della prostata è oggi il tipo di cancro più frequente tra gli uomini. Si stima che per il 2012 si registreranno 36mila nuovi casi, nel 2020 più di 43mila e nel 2030 oltre 50mila.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.