Aids: verso la fine dell’epidemia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’AIDS si avvia verso la fine dell’epidemia. Lo dicono gli esperti al XIX Convegno Mondiale per la lotta Aids, partito ieri nella capitale americana Washington e in programma fino al 27 Luglio. “Turning the tide together“, letteralmente “svoltare insieme”, è il motto dell’evento, scelto per enfatizzare come un impegno globale decisivo sia cruciale per cambiare il corso dell’epidemia, ora che la scienza sta presentando risultati promettenti nel trattamento e nella prevenzione biomedica dell’HIV.

AIDS 2012 rappresenta un’occasione unica per incoraggiare i politici, i governi, le NGO, gli scienziati, le persone che vivono con l’HIV e la società civile ad unire le forze“, ha detto Diane Havlir, co-chair della Conferenza e professore di medicina alla University of California, San Francisco, che ha aggiunto: “la congiuntura economica è difficile ma la scienza ci dice che sarebbe irresponsabile lasciarsi sfuggire questa occasione storica. Molti degli scienziati attivi sul fronte delle nuove ricerche sul trattamento come prevenzione e sui reservoir dell’Hiv saranno presenti alla conferenza“.

Ricco e illuminato è il programma del convegno, che può vantare la presenza di numerosi personaggi pubblici, come l’ex presidente e fondatore della William J. Clinton Foundation Bill Clinton, sua moglie Hillary Rodham Clinton, attuale segretario di Stato USA, e la ex first lady Laura Bush. Ci sarà anche Bill Gates, che con la sua fondazione è uno dei maggiori finanziatori dell’accesso alle terapie nel mondo, il cantante Elton John, impegnato con una propria fondazione in questo campo, e l’attrice Whoopi Goldberg.

Per la prima volta nella storia la scienza ha elaborato armi così efficaci che, se correttamente e largamente impiegate, potrebbero porre fine alla epidemia di AIDS nel mondo. Serve l’impegno e servono i finanziamenti. Che, in questo momento, sono invece alquanto scarsi. Riusciranno i 25.000 delegati che si ritrovano nella capitale statunitense a sciogliere questo nodo?“, scrive in una nota

AnlAIDS Onlus, la prima e la più grande associazione nata in Italia per fermare la diffusione dell’infezione da HIV. “Ora, più che mai, dobbiamo cogliere il momento, attirare fondi da investire nella ricerca e allo stesso tempo promuovere programmi basati sull’efficienza e sull’efficacia che ottimizzino l’uso delle risorse“, conclude Anlaids.

Anche perché, ad oggi, sarebbero 34 milioni le persone che vivono con l’Aids, mentre sono 30 milioni i morti registrati negli ultimi 20 anni. Per questo, tra i temi che verranno discussi ci sono i progressi ottenuti per la messa punto di un vaccino, le nuove strategie preventive individuate, la necessità dell’accesso globale alle cure ed ai test sul virus HIV e l’importanza dei finanziamenti, anche a fronte della crisi economica. Sempre che il virus esista davvero e non sia frutto di un complotto.

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin